TrackR Bravo - Tag Bluetooth Al CES di Las Vegas è stato presentato TrackR Bravo, un tag Bluetooth di nuova concezione. I tag bluetooth sono dei dispositivi che consentono di rintracciare gli oggetti ai quali vengono attaccati, e generalmente sono utilizzati per non perdere le chiavi, il portafoglio, un cellulare, una borsa ed altro ancora. Basta abbinarli al proprio smartphone e si verrà avvisati non appena l’oggetto contenente il tag esce dal campo di copertura del Bluetooth. Il TrackR Bravo ha però una funzione più interessante, diventa infatti un localizzatore di dispositivi rubati o persi di portata più ampia. Questo avviene in quanto il TrackR Bravo estende la propria portata sfruttando gli utenti che utilizzano lo stesso dispositivo. Se ad esempio ci viene rubato un oggetto, sarà possibile localizzarlo anche a km di distanza in quanto la sua posizione si aggiornerà automaticamente oggi qual volta un altro utilizzatore entrerà nel raggio d’azione del tag. TrackR Bravo è anche più sottile rispetto ad altri dispositivi simili, grazie all’alluminio anodizzato è stato possibile contenere il tutto in uno spessore di soli 3,5 mm. Per facilitare la ricerca dell’oggetto perduto è possibile far suonare il tag, ma si può anche far suonare l’iPhone nel caso si sia smarrito quest’ultimo.

 

6 Responses to TrackR Bravo, tag bluetooth e localizzatore su larga distanza

  1. ale step ha detto:

    se viene nascosto sotto sella di una bicicletta nel caso questa viene rubata fino a ke distanza posso intercettarla?

  2. marco colangelo ha detto:

    scusami tanto. Avevo bisogno di uno strumento del genere per ritrovare un animale domestico in caso di perdita. Ne ho ordinato uno ma mi hanno aggiunto 10euro. Inoltre funziona solo con Bluetooth, massimo 10 metri e senza ostacoli (mura e quanto altro). Soldi spesi inutilmente.

  3. giovanni rigon ha detto:

    A me sono stati aggiunti 18,75 euro (IVA e sdoganamento), ma non mi funziona a più di 30 metri. La pubblicità non è chiara e mi pare assai ingannevole. Eppure si magnificava la grande distanza di operatività.

  4. Giovanni ha detto:

    Soldi rubati non si riesce ad utilizzarlo per una distanza maggiore di dieci metri non è un GPS come pubblicizzato (ladri…) la mappa che utilizza serve come appannaggio a che serve?

  5. gianrodolfo ha detto:

    concordo, spesa inutile; se l’oggetto è a 5/6 metri lo vedo senza bisogno del marchingegno

  6. admin ha detto:

    Nell’articolo è spiegato bene il principio del suo funzionamento … nessun GPS all’interno del tag, ma tramite l’App può avvenire la localizzazione anche su grandi distanze, a patto che il tag entri nel raggio di azione di un dispositivo su cui è installata l’applicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

La tua opinione è importante !

Hai idee o suggerimenti per migliorare Nonsolomac ? Facci conoscere la tua opinione, sarà per noi stimolo e spunto per i prossimi sviluppi del sito. Scrivi a

Archivio articoli

Siamo su MyAppleSpace !