L’attuale gamma MacBook Pro è ancora abbastanza recente, ma esistono già i presupposti per un suo rinnovamento. Intel lancerà al CES di Las Vegas in gennaio i primi processori Sandy Bridge, prodotti sempre con tecnologia produttiva a 32 nanometri, ma dotati di una nuova architettura che integra l’accelerazione grafica nello stesso processore. Acer, Lenovo e Gateaway hanno già annunciato nuove macchine che adottano un processore Core i7 2630QM, che sembra appartenere a questa nuova piattaforma, affiancato dai chipset HM55 e HM65 che fanno parte della piattaforma Huron River. Ci si aspetta una rapida adozione anche da parte di Apple. Scopriamo insieme maggiori dettagli, che includono anche Lightpeak e alcuni componenti …

Le informazioni sul nuovo processore arrivano dalle osservazioni di laptoping (via macity).

Il lancio dei primi MacBook Pro sarebbe previsto per Aprile 2011, qualcosa si potrebbe sapere a gennaio, mese durante il quale Apple, Macworld o non Macworld, ha sempre fatto annunci importanti. Su questo punto però alcuni indicano il palco del primo evento del nuovo anno interamnete dedicato alla seconda generazione dell’iPad.

Non finisce qui, secondo Three Guys And A Podcast la prossima generazione di MacBook Pro abbandonerebbe ogni componente meccanico, sostituendo gli HD con SSD fino a 512GB di capacità ed eliminando il drive ottico, che impone certi minimi di peso e di ingombro. Questo permetterebbe ad Apple di far seguire alla gamma MacBook Pro lo stile ed il design introdotto con il nuovo MacBook Air. Un prodotto di tipo “tradizionale”, ovvero con l’attuale design e con dotazione completa rimarrebbe momentaneamente in gamma per assecondare chi ancora non è pronto per la nuova filosofia Apple.

Ultimo rumors … Apple potrebbe introdurre la tecnologia Lightpeak di Intel, sostenuta da Cupertino fin dall’inizio del suo sviluppo. Lightpeak, lo ricordiamo, oltre alla grande velocità di trasferimento di 10Gbps bidirezionale, ha la caratteristica di unificare, ottimizzandole, le connessioni Ethernet, USBm HDMI, DisplayPort, eSata e Firewire. Apple potrebbe essere il primo produttore ad integrarlo in una propria linea di prodotti, dando lo spunto ad altri attori del settore.

Insomma, ci sono i presupposti per un cambio generazionale di primaria importanza per i notebook di Cupertino, ed Apple potrebbe porsi ancora una volta alla guida dell’intero settore, grazie a soluzioni innovative che non mancheranno di suscitare al tempo stesso entusiasmo e critiche.

Tagged with:  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La tua opinione è importante !

Hai idee o suggerimenti per migliorare Nonsolomac ? Facci conoscere la tua opinione, sarà per noi stimolo e spunto per i prossimi sviluppi del sito. Scrivi a

Archivio articoli

Siamo su MyAppleSpace !