Apple assume manager dal mondo della moda !

On 15 Ottobre 2013, in News Apple, by admin

Angela AhrendtsApple ha ingaggiato Angela Ahrendts, numero uno di Burberry, la donna manager più pagata di Londra, con uno stipendio che ha raggiunto nel 2012 quasi 20 milioni di euro. Entrerà a far parte del management di Cupertino da metà del 2014, nel ruolo di Senior Vice President per il settore Retail, supervisionando la direzione strategica, l’espansione e le operazioni degli Apple Store e degli Apple Online Store. Tim Cook ha dichiarato: “Sono entusiasta del fatto che Angela si unisca al nostro team.Condivide i nostri stessi valori e la nostra attenzione all’innovazione, e come noi pone in grande rilievo l’esperienza del cliente. Si è sempre dimostrata una leader straordinaria e vanta una comprovata esperienza“. Prima di Burberry la Ahrendts aveva ricoperto il ruolo di Executive Vice President presso Liz Clairborne e di Presidente di Donna Karan International. Non è il primo “acquisto” di Apple dal mondo della moda, prima di lei sono approdati a luglio Paul Deneve, ex ceo di Yves Saint Laurent, ed alcune settimane fa Jay Blahnik, che ha contribuito in Nike allo sviluppo di Fuel Band.

Tagged with:  

Apple Store Roma EstIn attesa dell’ufficializzazione dell’apertura dell’Apple Store Porta di Roma, che è ormai in dirittura d’arrrivo e potrebbe aprire subito dopo Pasqua, emergono indiscrezioni che indicano un possibile cambio di marcia nell’espansione della catena degli Apple Retail Store. Le nostre fonti, che si sono rivelate ben informate già in molte occasioni, ci riferiscono che i piani per l’Italia prevedono 30 nuovi negozi l’anno nei prossimi due anni. Si, avete capito bene, sono 60 negozi nei prossimi due anni, cifre da capogiro che lasciano sorpresa e perplessa la nostra stessa fonte, ma questi sono i numeri che sono circolati e le fonti sono teoricamente ben informate. Per questo Apple sembrerebbe in procinto di affiancare alla storica Ganter Interior GmbH, la società tedesca che ha curato la realizzazione di tutti gli Store aperti fino ad ora in Italia, una seconda società il cui nome teniamo per il momento riservato. Dopo aver coperto il territorio con negozi al servizio dei principali bacini d’utenza, quali Roma, Milano, Bergamo, Torino, Firenze, Napoli, Bologna e Catania, la strategia di espansione andrebbe quindi a coprire anche capoluoghi di provincia con un bacino più ristretto, per una più capillare preseza sul territorio, ma lasciamo aperta l’ipotesi che il numero indicato comprenda anche negozi in altri paesi europei. (nell’immagine l’Apple Store Roma Est, il primo negozio italiano targato Cupertino)

Tagged with:  

Apple Store - Personale in maglia azzurra

Apple ha avviato la ricerca del personale per il prossimo Store nel centro di Torino. Le posizioni sono comparse, come consuetudine, sulle pagine dedicate alla ricerca del personale per il settore retail, dove adesso troviamo due negozi separati: Le Gru ed un generico “Turin – Italy”. Come sapete da tempo i locali prescelti sono quelli che ospitavano la libreria La Stampa, siti in Via Roma. Recentemente sono stati ultimati lavori di rifacimento della facciata, ma al momento non si hanno dettagli sui lavori interni. Sulla base della storia relativa agli altri store possiamo ipotizzare un’apertura compresa tra l’inizio della primavera e la fine dell’estate. Vi terremo aggiornati appena ci saranno sviluppi in merito. Quello di Torino sarà il secondo Apple Store ad aprire in un centro storico italiano, dopo quello di Bologna. Ricordiamo che un terzo Apple Store “cittadino” è in programma a Roma, dove sembra che Apple abbia finalmente individuato i locali adatti alle proprie esigenze, mentre dopo essersi lasciata sfuggire il prestigioso locale dell’ex Cinema Gambrinus di Piazza della Repubblica, andati all’Hard Rock Cafè solo per questioni di “tempismo”, sembra ancora in alto mare la ricerca del fondo per lo store di Firenze centro, così come quello di Milano centro, che ha visto Apple battuta da Prada all’apertura delle buste !

Tagged with:  

Apple Retail Store - Scaffale softwareApple sembrerebbe pronta a cessare la vendita di software in confezione retail, ovvero confezionato nella sua bella scatola, su supporto di memoria (CD o DVD) e affidarsi esclusivamente alla distribuzione digitale tramite il nuovo Mac App Store. L’indiscrezione è stata diffusa da Macrumors che, pur non indicando una tempistica precisa, riferisce che la decisione sarebbe stata presa e la nuova strategia in piena fase di elaborazione. Apple recupererebbe molto spazio all’interno dei propri store, da dedicare a prodotti in grado di generare un fatturato superiore rispetto al software. Sarà interessante capire se questa nuova strada riguarderà solo il software Apple oppure se l’oprazione coinvolge anche software di terze parti, come Microsoft e Adobe, regolarmente venduti all’interno dei propri Store.

Tagged with:  

La tua opinione è importante !

Hai idee o suggerimenti per migliorare Nonsolomac ? Facci conoscere la tua opinione, sarà per noi stimolo e spunto per i prossimi sviluppi del sito. Scrivi a

Archivio articoli

Siamo su MyAppleSpace !