Logo KodakEastman Kodak Co., la società fondata 131 anni fa da George Eastman e che ha scritto la storia della fotografia, è ad un passo dalla bancarotta. Lo scorso mercoledì un articolo del Wall Street Journal diffondeva la notizie di un imminente ingresso nel Chapter 11, l’equivalente della nostra amministrazione controllata, ed il titolo perdeva il 28% del suo valore. Negli ultimi cinque anni il titolo ha perso il 97% del suo valore. Per cercare di scongiurare il fallimento l’azienda ha annunciato una profonda ristrutturazione al fine di ridurre i costi, migliorare la produttività, grazie alla creazione di una struttura più snella, e accelerare la trasformazione in società completamente digitale. “Questa nuova struttura semplificherà l’organizzazione, concentrandola sui clienti finali e creando valore per gli azionisti. Permetterà di allocare le risorse in modo più efficace e ridurre i costi di amministrazione“. I mercati hanno reagito molto bene alla notizia ed il titolo ha guadagnato oltre il 45%. Il problema principale di Kodak resta la liquidità, motivo che potrebbe portare alla vendita di una parte dle portafoglio brevetti, sempre che non riesca a monetizzarli grazie alle cause legali intentate nei confronti di Apple e HTC per la presunta violazione di alcuni brevetti relativi alla condivisione di immagini digitali tra differenti dispositivi. Kodak avrebbe chiesto il blocco dell’importazione e della vendita dei prodotti e un importante risarcimento finanziario. In realtà Kodak punta a rifinanziarsi grazie ad un importante indennizzo, e lo dichiara apertamente nel comunicato ufficiale: “il nostro interesse primario non è quello di interrompere la disponibilità dei prodotti, ma di ottenere un equo indennizzo per l’uso non autorizzato della nostra tecnologia. Il rifiuto delle aziende di compensare adeguatamente Kodak per l’uso della sua tecnologia impedisce la capacità di continuare a innovare e introdurre nuovi prodotti“. Non è la prima causa che vede coinvolta Kodak, a settembre di quest’anno si dovrebbe concludere una precedente causa avviata contro Apple e RIM. Recentemente la società ha venduto la Eastman Gelatine alla concorrente Rousselot (la più grande produttrice mondiale di gelatine per pellicole e carta fotografica).

Tagged with:  

Apple Store Roma EstFacendo seguito alla notizia pubblicata lo scorso 9 settembre, riceviamo informazioni dalle nostre attendibili fonti in merito ai lavori di ristrutturazione/riammodernamento previsti all’Apple Store Roma Est. Bene, i lavori inizieranno molto presto e, a differenza di quanto trapelato inizialmente, dovrebbero interesserare almeno in parte anche gli spazi espositivi. Inizialmente il progetto riguardava esclusivamente la parte adibita a uffici e magazzino.

Apple Store Bologna, Via Rizzoli - L'edificio il giorno prima dell'inaugurazioneApple ha organizzato per la giornata di oggi l’anteprima per la stampa del nuovo Apple Store di Via Rizzoli a Bologna, il primo localizzato in un centro storico, il primo disposto su due piani. In altre occasioni è stato dato accesso un’ora prima dell’apertura, ma evidentemente per questo negozio Apple voleva ottenere maggiore attenzione da parte dei media e fare le cose con la dovuta calma. Come sapranno i nostri lettori, Apple ha ristrutturato un edificio storico dei primi del ‘900 conosciuto come Casa Commerciale Barilli. Una ristrutturazione importante per la quale Apple aveva ottenuto le autorizzazioni necessarie per eseguire interventi importanti e profondi sulla facciata, inserendo elementi decorativi innovativi e contemporanei (il nostro articolo con i documenti della Commissione per la qualità architettonica ed il paesaggio del Comune di Bologna). Temevamo di vedere una grande mela luminosa troneggiare in pieno centro storico, davanti alla Fontana del Nettuno, ed invece Apple ha scelto un intervento molto delicato, rispettoso del contesto storico e architettonico in cui si inserisce lo store. Non solo, con l’intervento sulla parte destra della facciata, ha reso uniformi le linee, le decorazioni, la forma delle finestre, regalando alla città un edificio molto più bello ed armonioso. Se a questo aggiungiamo l’eliminazione dei resti del sottopassaggio ormai chiuso, che si trovava a pochi metri dalle vetrine, e l’elegante insegna in ferro battuto, possiamo affermare che l’intervento eseguito può diventare un riferimento per chi in futuro dovrà eseguire ristrutturazione di questa tipologia. Passiamo all’interno, con le gallerie fotografiche pubblicate da Macity (prima e seconda), che era presente all’anteprima di oggi, e appuntamento a domani, direttamente da Bologna, per l’inaugurazione !

Apple Store Roma EstSi prepara un cantiere all’Apple Store Roma Est, l’informazione ci arriva da fonti che riteniamo attendibili. I lavori servirebbero per ristrutturare, o riorganizzare, la parte del negozio dedicata ad uffici, quindi non visibile dalla clientela. Non abbiamo per il momento informazioni sulla tempistica di inizio e fine lavori.

apple-store-bologna-ristrutturazione-quasi-ultimata-1Procedono a grande ritmo i lavori presso la Casa Commerciale Barilli, sede dell’Apple Store prossimo all’apertura nel pieno centro di Bologna. Grazie al nostro affezionato lettore Nicholas, che ringraziamo calorosamente, siamo in grado di mostrarvi lo stato dei lavori. La facciata adesso è completamente scoperta nei piani superiori e mostra il pregevole lavoro eseguito da Apple. Lo stabile aveva infatti una porzione, costituita dalle prime due finestrature di ciascun piano più vicine all’edificio in appoggio, in totale rottura con le forme e le linee di tutto il resto dell’edificio. L’intervento ha reso il tutto omogeneo, conferendo maggior equilibrio e bellezza. Nella galleria fotografica che pubblichiamo è possibile apprezzare anche molti dettagli delle decorazioni esterne e della ringhiera in ferro battuto. Il piano terra è ancora coperto dalla classsica pannellatura nera, ma è facile immaginare il suo aspetto definitivo, basta guardare gli interventi fatti in Regent Street e Covent Garden. Gli interni, ci riferisce Nicholas, sembrano ancora da allestire, si intravedono parti di mobilia ancora imballate. Dalle immagini possiamo solo vedere il riflesso dei palazzi di fronte. Ricordiamo che l’apertura è indicata in via non ufficiale per sabato 17 settembre, giornata in cui Via Rizzoli sarà pedonalizzata nel contesto di un test sulla pedonalizzazione di unaparte del centro storico cittadino. I lavori procedono a ritmo serrato, si lavora anche di notte, ed il training per i dipendenti termina il 9 settembre. Abbiamo seguito la nascita dell’Apple Store di Bologna sin dai primissimi giorni, leggi tutti gli altri nostri articoli.

Apple Store Bologna - Il cantiere del palazzo in ristrutturazioneRiceviamo notizia da fonte che vuole restare anonima, che i lavori per la ristrutturazione della Casa Commerciale Barilli che ospiterà l’Apple Store di Bologna procedono speditamente, al punto che il negozio dovrebbe essere pronto per la metà di agosto ed aprire quindi prima del previsto. Settembre dovrebbe quindi essere per il secondo anno consecutivo il mese caldo per gli Apple Store italiani, con le probabili aperture di Bologna e Firenze in prima fila. Entrambi i cantieri dovrebbero essere chiusi nella prima metà di agosto, ma sarà necessario un periodo di addestramento dei dipendenti prima di poter inaugurare con piena operatività. L’Apple Store di Via Rizzoli, a due passi dalla fontana del Nettuno e da Piazza Maggiore, sarà il primo e al momento unico negozio posizionato in un centro storico. Apple ha avuto autorizzazione della Commissione per la qualità architettonica ed il paesaggio del Comune di Bologna, come vi abbiamo documentato in esclusiva nello scorso mese di marzo, ad operare introducendo nella facciata elementi innovativi e contemporanei.

apple-store-bologna-cantiere-e-dintorni-2Manteniamo ancora la nostra attenzione sull’Apple Store di Bologna in quanto abbiamo messo insieme elementi interessanti relativi all’edificio che lo ospiterà e ai lavori in corso per la sua ristrutturazione. Lo stabile scelto da Apple è noto per aver ospitato fino ad alcuni mesi fa un negozio Stefanel, ma in realtà si tratta di un edificio storico di una certa importanza, la Casa Commerciale Barilli, ovvero uno dei primi “grandi magazzini” di Bologna, risalente ai primi anni del ‘900. L’intervento in programma non riguarderà esclusivamente gli interni, abbiamo trovato un documento che attesta l’esecuzione di lavori che porterà un deciso cambiamento ad una porzione della facciata, che potrà diventare “innovativa e contemporanea”. Eccovi tutti i dettagli …

Continue reading »

La tua opinione è importante !

Hai idee o suggerimenti per migliorare Nonsolomac ? Facci conoscere la tua opinione, sarà per noi stimolo e spunto per i prossimi sviluppi del sito. Scrivi a

Archivio articoli

Siamo su MyAppleSpace !