100 milioni di $ per costruire in USA i nuovi Mac (Pro?)

Mac-Made-in-USAApple ricomincerà a produrre alcuni Mac negli Stati Uniti, una notizia nota da tempo a cui Tim Cook ha appena aggiunto molte informazioni interessanti. Lo ha fatto parlando alla Commissione Senatoriale che sta indagando sui casi di elusione fiscale da parte di aziende americane, dichiarando: “Abbiamo investito 100 milioni di dollari per la costruzione di una linea di produzione Mac negli USA. Li costruiremo in Texas, usando componenti creati in Illinois e Florida, sfruttando apparecchiature prodotte nel Kentucky e nel Michigan“. Il prodotto maggiormente accreditato per il Made in USA è il Mac Pro, segmento sul quale l’utenza professionale attende da tempo segnali importanti da Apple. Meno credibile è l’ipotesi Mac mini, dato che si tratta di un prodotto con esigenze di prezzo “entry-level”. Scopriamo maggiori dettagli …

Apple ha già una propria sede ad Austin, in Texas, in fase di ampliamento per un investimento complessivo previsto di 304 milioni di dollari fino a marzo 2021 e che prevede 3600 nuovi posti di lavoro.

Il Texas, insieme ad Alaska e Florida, è lo stato che va maggiormente incontro a chi vuole fare nuove imprese, grazie ad una pressione fiscale del 30% inferiore alla media nazionale e regolamenti che permettono alle imprese che operano in loco di finanziarsi emettendo obbligazioni esenti da tasse. Il Texas non prevede nessuna imposta sul reddito, sia a livello societario che personale, che vada ad aggiungersi a quella federale e l’equivalente alla nostra IVA è pari al 6,25% (da cui sono esentati i macchinari e le attrezzature utilizzate nella produzione, oltre all’elettricità e il gas quando fondamentali nel processo produttivo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *