Inelligenza artificiale

Apple ha comprato Vilynx

Apple ha fatto acquisti ad inizio del 2020, acquisti di cui non si era avuta notizia fino ad ora. E’ Bloomberg a svelare l’operazione con la quale la società di Cupertino si assicura le proprietà intellettuali e gli ingegneri di Vilynx, startup specializzata nell’intelligenza artificiale e nella computer vision, due comparti che permetteranno ad Apple di migliorare i propri prodotti e servizi. 

 

La tecnologia della spagnola Vilynx, con base a Barcellona, utilizza l’intelligenza artificiale per analizzare i contenuti testuali, audio e video per comprendere i contenuti dei filmati e creare automaticamente i relativi tag; in sostanza rende un video rintracciabile attraverso i tag generati.

L’operazione ha un valore di circa 50 milioni di dollari, secondo le informazioni diffuse da fonte che vuole restare anonima in quanto non autorizzata a parlare dell’operazione.

Il commento ufficiale di Apple è il consueto: “Apple buys smaller technology companies from time to time and we generally do not discuss our purpose or plans”.

Apple potrebbe utilizzare queste potenzialità per migliorare l’assistente vocale Siri, che può svolgere ricerche per l’utente, per le App che permettono di gestire i video, a cominciare da Foto, per il motore che consente di mostrare contenuti rilevanti per l’utente dei servizi TV e News, ma soprattutto per il proprio motore di ricerca concorrente a Google, che secondo indiscrezioni sarebbe in fase di sviluppo.

Gli addetti Vilynx che resteranno con Apple sono circa 50, incluso il co-fondatore e Chief Technology Officer Elisenda Bou-Balust, ed Apple manterrebbe attiva la sede di Barcellona, facendone addirittura uno dei principali centri europei per la ricerca e sviluppo delle intelligenze artificiali.

Apple ha implemnetato le tecnologie AI in Siri, lanciata nel 2011, espandendole poi nei propri software, incluse le App Fotocamera e Foto, nell’ottimizzazione della vita delle batterie dei propri dispositivi, nel riconoscimento facciale e della scrittura manuale, ma nonostante i passi fatti in questo ambito deve ancora migliorare molto l’assistente vocale Siri, considerato inferiore ai concorrenti di Alphabet Inc. e Amazon.com.

Fonte: Bloomberg


Seguici sui social e sul nostro canale YouTube

Sostienici con i tuoi acquisti, metti tra i tuoi preferiti il link ad Amazon. Tu non spenderai un centesimo in più, noi riceveremo una piccola commissione.


Scopri le offerte del giorno di Amazon.it


 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *