Da MobileMe a iCloud – Le FAQ di Apple

Transizione da MobileMe ad iCloud - Le FAQ fornite da AppleiCloud, il nuovo servizio presentato da Apple alla WWDC 2011, immagazzinerà le nostre foto, la nostra musica, le applicazioni, i calendari ed i documenti in modalità wireless, inviandoli con modalità push a tutti gli altri nostri dispositivi, automaticamente. iCloud, gratuito per tutti gli utenti iOS 5 e OS X, segna la fine di MobileMe, che verrrà prorogato per tutti gli utenti fino al 30 giugngo 2012, ma non tutti i servizi presenti in MobileMe verranno riproposti in iCloud. Alla fine della transizione tra MobileMe e iCloud ritroveremo Mail, la nostra casella di posta elettronica @me.com o @mac.com, i contatri, i Calendari, i Bookmark, Find My iPhone, Back to My Mac, mentre perderemo iWeb publishing, Gallery e iDisk. In compenso ci saranno le novità chiamate iTunes in the Cloud, Photo Stream, Documents in the Cloud, Automatic downloads e Purchase History per App e libri e Backup and Restore. Ci sarà la possibilità di accedere ad iCloud dal web. Scopri tutti i dettagli sulla transizione su questa pagina dedicata.

2 commenti su “Da MobileMe a iCloud – Le FAQ di Apple”

  1. Faremo capire ma icloud funzionerà un po’ come DropBox? Solo con qualche funzione in più legata alle applicazioni. Non riesco a capire come una cosa così complessa e completabpossa essere free…

  2. Con molte funzioni in più.
    Mettiamola così … grazie all’enorme liquidità Apple è stata in grado di fare investimenti allucinanti nei datacenter di cui si sente parlare da tempo, e che Steve Jobs ha mostrato alla recente WWDC. Questi servizi, se funzioneranno come promesso, avranno un potenziale devastante per la concorrenza, che difficilmente sarà in grado di replicare tutto ciò. Solo Google, Facebook e Amazon a mio parere possono tentare di fare qualcosa di simile.
    iCloud lo valuteremo bene quando ci sarà, ma ha un potenziale che oggi non ci immaginiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.