Metro Goldwin Meyer con logo Apple

Metro Goldwin Mayer in vendita, Apple e Amazon candidate all’acquisto ?

Secondo le ultime indiscrezioni diffuse dal Los Angeles Times, la Metro Goldwin Meyer sarebbe sul punto di passare di mano, e tra le possibili candidate all’acquisto ci sarebbero Apple e Amazon.

 

La Metro Goldwin Meyer, colosso del settore cinematografico e televisivo con un catalogo di oltre 4.000 pellicole, aveva dichiarato bancarotta nel 2010, ed il controllo era passato ad un pool di Edge fund di Wall Street composto da Anchorage Capital Group (che rappresenta il maggiore azionista ed esprime il Presidente del Consiglio di Amministrazione), Highland Capital Partners, Davidson Kempner Capital e Owl Creek Investements.

Adesso la società avrebbe nominato Morgan Stanley e LionTree come Advisor per le prime fasi del formale processo che dovrebbe portare alla cessione, il condizionale resta d’obbligo in quanto da MGM non è arrivata nessuna conferma ufficiale.

Il rinvio dell’uscita dell’ultimo capitolo della serie 007, James Bond: No Time to Die, previsto inizialmente per lo scorso novembre, potrebbe essere dovuto proprio alla volontà di avviare le trattative con una pellicola di questo calibro in uscita.

Come dicevamo poc’anzi, tra i possibili compratori il Los Angeles Times cita Apple e Amazon. L’interesse della società di Cupertino sarebbe spiegato dalla mancanza, a confronto con i concorrenti, di un catalogo esteso al servizio del proprio servizio streaming.

Il Los Angeles Times riporta che la richiesta della MGM sarebbe stata di 7,5 miliardi di dollari, a fronte di un valore di mercato dello studio valutato (incluso il debito) attorno ai 5.5 miliardi di dollari. 

I dubbi sull’operazione ruotano proprio attorno alla valutazione che società come Apple e Amazon, impegnate nella produizone di contenuti origianali, possano dare ad un catalogo di film e serie televisive.

Apple sta modificando il proprio business relativo all’Apple TV, con il recente rilascio della propria applicazione per altre piattaforme e sulle smart TV, come quelle di LG. Un settore, quello delle TV in streaming, con un’offerta molto vasta nella quale Apple fatica a ricoprire quel ruolo di primo piano, da leader tecnologico, che è abituata a svolgere. La rivoluzione di Apple in questo settore non c’è stata, ed il mercato non l’ha premiata più di tanto.

Vedremo se Tim Cook vedrà in questa operazione l’opportunità di arricchire la propria offerta, e guadagnare quote di mercato. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi futuri della vicenda.

Leggi l’articolo sul Los Angeles Times.

Leggi tutte le notizie di Nonsolomac che riguardano Apple TV.


Seguici sui social e sul nostro canale YouTube:


Offerta speciale

Le offerte del giorno di Amazon.it

Seguendo i link sponsorizzati Amazon, tu non spenderai un centesimo in più, mentre noi riceveremo una piccola commissione, che investiremo nel mantenimento e nella crescita del sito.


Gli ultimi articoli di Nonsolomac:


Aiutaci a far conoscere sempre più Nonsolomac, condividi questo articolo sui tuoi social preferiti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *