Apple e Cloudflare impegnate nello sviluppo di un protocollo internet incentrato sulla privacy

Cloudflare, azienda statunitense che si occupa di servizi di sicurezza internet, servizi di DNS e network per la consegna di contenuti, e Apple stanno sviluppando un nuovo protocollo internet che ha l’obiettivo di risolvere uno dei problemi più grandi per la privacy degli utenti internet, un problema di cui molti ingnorano l’esistenza. Denominato DNS-over-HTTP (o ODoH) il nuovo protocollo renderà molto più difficile per gli internet provider conoscere i siti che visita l’utente.

Continua a leggere Apple e Cloudflare impegnate nello sviluppo di un protocollo internet incentrato sulla privacy

Stampare sui muri, con la stampante verticale di Copygraf

CopygrafWallprint è un’innovativa stampante verticale che permette di stampare grafiche personalizzate sulle pareti dei case, uffici, negozi e showroom, aprendo nuove frontiere nel mondo della stampa digitale.

Continua a leggere Stampare sui muri, con la stampante verticale di Copygraf

Nebia, una doccia che permette di risparmiare fino al 65% di acqua

Su Kickstarter si è svolta una campagna per la realizzazione di un “telefono docciasupertecnologico in grado di ridurre i consumi di acqua fino al 65%, senza togliere il piacere di una doccia. Cosa c’entra con Nonsolomac ? C’entra perchè alla base c’è una tecnologia aerospaziale e perchè la startup ha ricevuto finanziamenti da personaggi molto in vista, tra cui Tim Cook, CEO di Apple.

Continua a leggere Nebia, una doccia che permette di risparmiare fino al 65% di acqua

Lamphone, “Origliare” le conversazioni attraverso le lampadine

Ogni tanto ci sono quelle notizie che ti lasciano un attimo senza parole … ottenere intercettazioni audio utilizzando una lampadina, o meglio utilizzando le variazioni della sua luce causate dalle onde sonore che la colpiscono, da una distanza di 25 metri.

Continua a leggere Lamphone, “Origliare” le conversazioni attraverso le lampadine

La strada per l’occhio artificiale è avviata

Creare l’occhio artificiale è un obiettivo che ricercatori e scienziati di tutto il mondo stanno perseguendo da molto tempo. Secondo un articolo pubblicato da Nature, il team della Hong Kong University of Science and Technology guidato da Zhiyong Fan sembra aver raggiunto traguardi molto promettenti.

Continua a leggere La strada per l’occhio artificiale è avviata

Pavegen, da energia cinetica ad elettricità, un passo alla volta

Generare energia dai passi delle persone, sembra fantascienza ma è una realtà da quando Laurence Kemball-Cook ha fondato la Pavegen, con il concetto base di motivare le persone al cambiamento attraverso benefici e feedback immediati, rendendo quindi tangibile il valore altrimenti astratto delle risorse e della responsabilità individuale, con il motto “gamification of life“. Ma al di là del modo scelto per diffonderlo, quello che è importante è che Pavegen è un pavimento intelligente che converte l’energia cinetica in elettricità, con potenziali sviluppi di portata inimmaginabile.

Continua a leggere Pavegen, da energia cinetica ad elettricità, un passo alla volta

Deva, Covid-19 security support dalla toscana Powersoft

Powersoft, azienda di Scandicci (FI) leader nella produzione di amplificatori audio professionali, ha sviluppato Deva, un dispositivo che può trovare un impiego ideale per il monitoriaggio ed il contenimento del Covid-19. Vediamo come e perché.

Continua a leggere Deva, Covid-19 security support dalla toscana Powersoft

Generare calore estremo dalla luce solare

Una startup chiamata Heliogen, finanziata da Bill Gates, ha dichiarato di aver scoperto il modo di massimizzare il calore sviluppato dall’energia solare grazie ad un campo di specchi opportunamente comandati a tale scopo. Una rivoluzione in ambito industriale che permetterebbe di eliminare l’uso di fonti di energia di origine fossile e le emissioni di Co2.

Continua a leggere Generare calore estremo dalla luce solare

Stampare in 3D con la luce

L’Istituto EPFL di Losanna ha sviluppato una tecnologia innovativa per la stampa 3D che consente di ottenere oggetti complessi e ben definiti in tempi estremamente ridotti, semplicemente combinando resina e luce.

Continua a leggere Stampare in 3D con la luce

IOFIT – Soletta smart per scarpe da ginnastica

IOFIT - Soletta smart per fitnessAl Mobile World Congress, che aprirà il prossimo lunedì 22 Febbraio, Salted Venture presenterà IOFIT, una soletta per scarpe da ginnastica che integra al proprio interno vari sensori in grado di analizzare il bilanciamento del corpo e quindi la postura dell’atleta durante lo svolgimento di una determinata attività. La soletta si interfaccia con un App per smartphone che riceve i dati e li elabora, fornendo all’utente indicazioni dettagliate utili a correggerne l’esecuzione. Salted Venture è una startup che vede il coinvolgimento diretto di Samsung, che ne ha sviluppato l’idea all’interno del proprio centro di ricerca C-Lab, staccando poi il tutto in una società a parte.

 

Nuvap N1 – Tecnologia italiana per monitorare fattori di inquinamento ambientale

Nuvap N1 - Monitoraggio ambientale made in italyE’ in arrivo Nuvap N1, il primo dispositivo al mondo ideato per il monitoraggio delle pericolose fonti di inquinamento che possono essere presenti nelle abitazioni e nei luoghi di lavoro. N1 è in grado di rilevare fino a 24 diversi parametri ambientali, tra cui l’inquinamento elettromagnetico, il gas radon, la radioattività (radiazioni ionizzanti), il monossido di carbonio, il metano, l’inquinamento acustico e idrico (attraverso filtri esterni), la temperatura, l’umidità, la qualità dell’aria, la presenza di polveri sottili, gli incendi ed altri ancora. I pre-ordini sono avviati con consegne a partire dal prossimo mese di novembre. Continua a leggere Nuvap N1 – Tecnologia italiana per monitorare fattori di inquinamento ambientale

Le sneaker diventano smart grazie a Vibram e Lenovo

Smart Shoe by Lenovo & VibramVibram, il più noto produttore di suole in gomma, e Lenovo hanno presentato una smart shoe che, sfruttando un chip inglobato nella suola, può interagire tramite bluetooth con uno smartphone. La scarpa è il primo risultato della Smart Moving Platform, una partnership strategica costituita tra Vibram, Lenovo e BJDW per la ricerca e lo sviluppo congiunti. E’ costruita con una parte della tomaia dotata di led che permettono di mostrare brevi messaggi inviati dal telefono oppure, grazie al GPS, di indicarci con messaggi led uniti a vibrazioni della suola, la direzione da prendere per seguire un determinato percorso, consentendo all’utente di muoversi senza dover consultare una mappa (cartacea o digitale che sia). Dopo un anno e mezzo di ricerche questo prodotto è giunto alla fase di test finale, con l’obiettivo di trasformare, grazie alle nuove tecnologie, la walk experience. Chi ha provato questo prototipo di smart shoe lo descrive come un prodotto ad uno stato di sviluppo finale, quasi pronto per la commercializzazione. Vibram

Ikea lancia una linea di arredamento con ricarica wireless

In occasione del Mobile World Congress di Barcellona, Ikea ha annunciato una linea di mobili dotati di ricarica wireless in standard Qi, tecnologia basata su induzione e risonanza magnetica promossa dal Wireless Power Consortium, che raggruppa aziende di ogni parte del mondo e di differenti settori, interessate a spingere e sviluppare il trasferimento di energia elettrica senza fili. Si tratta di un passaggio importante, quando una realtà di tale portata decide di adottare una tecnologia innovativa, questa scelta è in grado di generare ricadute positive su tutto il mercato, a cominciare dalla fascia di prezzo che i calcoli delle economie di scala saranno stati in grado di raggiungere. Ad oggi lo standard Qi non è molto diffuso su smartphone e tablet, lo troviamo ad esempio solo sull’ultimo Samsung, il Galaxy S6, mentre Apple non è ancora scesa in questo ambito. La linea verrà lanciata sul mercato il prossimo mese di aprile in Europa e Nord America.

Rezence – La ricarica wireless di seconda generazione

Rezence, ricarica wireless di seconda generazioneAl CES di Las Vegas la Alliance for Wireless Power (A4WP) ha mostrato Rezence, tecnologia per la ricarica wireless di seconda generazione, sostenuta da nomi molto importati dell’elettronica come Acer, Amotech, Asus, Broadcom, Canon, Dell, Deutsch Telekom, Emirates, Fujitsu, Funai, Haier, HP, Hitachi, Foxconn, HTC, Intel, Lenovo, LG, Logitech, Microsoft, Nec, NTT Domoco, Panasonic, Paragon, Qualcomm, Quintic, Samsung, Sandisk, Sharp, Sony, Targus, TDK, Texas Instruments e Toshiba (solo per citare i nomi più noti). Rezence supera tutti i limiti che hanno frenato lo sviluppo e l’adozione delle soluzioni viste fino a oggi, permettendo di ricaricare a distanze superiori tra trasmettitore e dispositivo ricevente, funzionando su qualsiasi tipo di superficie e permettendo di ricaricare contemporaneamente dispositivi che hanno requisiti di alimentazione differenti, come smartphone, tablet, fotocamere, dispositivi indomabili, cuffie e molti altri dispositivi. Rezence sfrutta il Bluetooth 4.0 a basso consumo per stabilire il primo collegamento con i dispositivi, riducendo in questo modo le componenti hardware da inserire nei dispositivi compatibili, e la risonanza magnetica per la ricarica vera e propria.

Grazie al grafene avremo batterie più efficienti

Logo IIT - Istituto Italiano di Tecnologia, GenovaDall’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova arriva uno sviluppo importante nel campo delle batterie, un procedimento speciale con il quale è stato sostituito con il Grafene, un materiale flessibile, impermeabile e conduttivo sviluppato nel 2010 da due ricercatori russi, la normale grafite utilizzata per realizzare l’anodo delle batterie, ottenendo un’efficienza del 25% superiore. Il team genovese guidato da Vittorio Pellegrini e Bruno Scrosati ha lavorato con il CNR e La Sapienza di Roma, e la tecnologia è pronta per lo sviluppo industriale che ha già raccolto l’interesse di aziende del settore automotive e dell’energia, come Enel e la Bluecar del gruppo Bollorè. Scopriamo altri dettagli di questa interessante evoluzione tencologica … Continua a leggere Grazie al grafene avremo batterie più efficienti