Lente a contatto smart, con realtà aumentata

La lente a contatto smart di Mojo Vision, con display incorporato

Mojo Vision è una startup nata con l’obiettivo di creare una lente a contatto smart che integri un display per la realtà aumentata. Dalle informazioni diffuse da CNET esisterebbe già un prototipo funzionante, anche se non ancora indossabile. Molte le applicazioni potenziali di un prodotto del genere …

Continua a leggere Lente a contatto smart, con realtà aumentata

Trasformare un iPhone 16GB in 128GB per 60$

iPhone 6 plus argentoNegozianti cinesi trasformano gli iPhone da 16GB in iPhone da 128GB con una spesa di appena 60$, e l’operazione è adesso documentata in un video pubblicato dal canale YouTube BeSound. Arriverà anche sul nostro mercato il kit per eseguire l’operazione ? Ne siamo certi, ma è bene sapere che la garanzia Apple decadrà, dato che per completare l’operazione occorre rimuovere sigilli che renderanno palese la … chiamiamola così … manomissione ! A voi le immagini …

Pitti Uomo ti ricarica !

È terminata ieri l’edizioe 89 di Pitti Immagine Uomo, che ha aperto i battenti presso la Fortezza da Basso di Firenze lo scorso martedì 12 gennaio. Tra le varie iniziative vogliamo segnalare quella che ha visto la startup fiorentina Plug-In Box posizionare varie postazioni di ricarica presso l’area espositiva e in altri luoghi della città, come i negozi Luisa Via Roma e Faliero Sarti, per un totale di 14 totem di ricarica. Un’iniziativa molto apprezzata che speriamo possa essere replicata e diventi un abitudine da parte degli Enti fieristici, negozi e locali di ogni genere. Il servizio era utilizzabile gratuitamente presso la Fortezza da Basso da parte di tutti i visitatori di Pitti Uomo.

L’uso di tablet ed eBook reader prima di dormire influisce negativamente sul nostro sonno

Leggere l'iPad prima di dormireUno studio condotto dai ricercatori della Hardvard Medical School ha mostrato che l’uso di dispositivi elettronici che emettono luce, come un tablet, un eReader ed altri dispositivi simili, prima di andare a dormire, può influenzare negativamente la produzione di melatonina, ormone che regola i cicli circadiani, ovvero i ritmi di sonno-veglia, rendendo più difficile addormentarsi, compromettendo la qualità del sonno e rendendo il soggetto più assonnato e meno vigile al risveglio, anche dopo 8 ore di sonno. Scopriamo insieme i dettagli … Continua a leggere L’uso di tablet ed eBook reader prima di dormire influisce negativamente sul nostro sonno

Da marzo si pagherà sul web col bancomat

PagoBancomatDalla fine del prossimo mese di marzo 2015, gli utenti italiani potranno effettuare acquisti sul web e pagare in tutta sicurezza con la propria carta Bancomat, grazie a procedure estremamente semplificate e transazioni senza inserimento del numero di carta, del PIN o altri codici di sicurezza. Sarà gestito tutto dal sito della banca aderente all’iniziativa. La novità è stata svelata nel corso del seminario ABI a Ravanna dal Direttore Generale del Consorzio Bancomat Sergio Moggia, che ha dichiarato: “Una volta attivata in banca la funzione web sulla propria carta non sarà necessario digitare il proprio PIN, ma al momento dell’acquisto si verrà reindirizzati al sito della propria banca. Dopo le verifiche scatterà il via libera all’acquisto, e anche se un eventuale cracker venisse in possesso del nostro numero identificativo, non verrà compromessa in alcun caso la sicurezza della carta“.

L’Inghilterra liberalizza la copia privata, nessun balzello oltre manica !

Il governo inglese ha approvato lo scorso 29 luglio l’abolizione del divieto alla copia privata, permettendo così a tutti i cittadini il diritto di trasferire i contenuti regolarmente acquistati su qualunque dispositivo posseggano, senza l’applicazione di nessun balzello. All’origine di questa decisione del governo britannico, sostenuta dal Sottosegretario per le proprietà intellettuali Lucy Neville-Rolfe e che entrerà in vigore il 1° ottobre 2014, la convinzione che in quest’ambito una legge non possa impedire al cittadino di fruire liberamente dei propri beni. La notizia stride fortemente con quanto recentemente avvenuto in Italia, dove le pressanti richieste della SIAE hanno determinato un aumento dell’equo compenso per copia privata che ha raggiunto il 500% per smartphone e tablet, ovvero per i dispositivi oggi più diffusi. Questo ha determinato forti polemiche che hanno coinvolto direttamente Apple, chiamata in causa dalla SIAE e dal Ministro alla Cultura Franceschini che, convinti che la tassa sarebbe stata assorbita dai produttori, hanno reagito in maniera impulsiva e scomposta agli aumenti apportati da Apple sul proprio Store, accusandola di penalizzare i clienti italiani e portando esempi e informazioni in taluni casi errate. Scopri altri dettagli di questa assurda vicenda … Continua a leggere L’Inghilterra liberalizza la copia privata, nessun balzello oltre manica !

Diesel – Nuova campagna pubblicitaria realizzata con un iPhone

logo-dieselNel corso dell’evento Decoded Fashion in corso a Milano, organizzato da e-Pitti.com (un progetto di FieraDigitale controllato da Pitti Immagine) e Tecnamedia (società americana che lo ha portato al successo nelle edizioni passate di New York e Londra), dedicato all’incontro tra il mondo della moda, gli strumenti digitali e le nuove tecnologie proposte da grandi aziende e giovani realtà (le cosiddette startup), il patron di OTB Renzo Rosso ha svelato, parlando dell’importanza della tecnologia per il suo gruppo, che la prossima campagna pubblicitaria Diesel è stata realizzata da Nick Knight interamente con un iPhone. Maggiori informazioni su Fashion Magazine.

 

Dal 2013-2014 scatta l’obbligo dei libri di testo digitali o misti nelle scuole italiane

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Legislativo 179 del 18 ottobre 2012, che si occupa dell’ammodernamento di vari ambiti dello stato, della pubblica amministrazione, della sanità e dell’istruzione, ponendo tra le priorità la modernizzazione intesa come digitalizzazione delle attività e delle procedure.  Il DL risulta particolarmente significativo in quanto impone a partire dall’anno scolastico 2013-2014, e dal 2014-2015 per le scuole del primarie, l’obbligo per docenti di adottare esclusivamente testi disponibili in versione digitale o mista, e alla scuola di assicurare la disponibilità dei supporti tecnologici necessari alla fruizione dei contenuti digitali alle famiglie che non fossero in grado di acquistarli autonomamente. Ecco i due estratti più importanti dall’Articolo 11: “Il collegio dei docenti adotta per l’anno scola- stico 2013-2014 e successivi, esclusivamente libri nella versione digitale o mista, costituita da un testo in forma- to digitale o cartaceo e da contenuti digitali integrativi, accessibili o acquistabili in rete anche in modo disgiun- to. Per le scuole del primo ciclo detto obbligo decorre dall’anno scolastico 2014-2015“;  “La scuola assicura la disponibilità dei supporti tecnologici necessari alla fruizione dei contenuti digitali di cui al comma 2, su richiesta delle famiglie e con oneri a carico delle stesse entro lo specifico limite definito con il decreto di cui al comma 3″. Potete consultare il testo integrale sul sito della Gazzetta Ufficiale. Il decreto non parla esplicitamente di quale sia il formato digitale, potrebbe anche essere un semplice CD allegato al libro cartaceo, e quale sia il supporto tecnologico da adottare, ma pare chiaro a tutti che esiste uno strumento ideale per gestire al meglio e in mobilità i testi scolastici digitali che si chiama tablet, dal costo più contenuto di un qualsiasi computer. Apple non solo mette a disposizione più dispositivi adatti a tale scopo, ma con iBooks Author ha reso possibile la creazione facile e alla portata di tutti dei libri multidediali in formato digitale, e con iTunes U ha implementato una piattaforma di scambio di contenuti creati all’interno delle stesse istituzioni scolastiche. In poche parole Apple ha la piattaforma ideale per rendere rapida, veloce ed economica la transizione al digitale delle scuole italiane di ogni ordine e grado !

Linkedin – 6 milioni di password finiscono sul web

LinkedinSei milioni e mezzo di password degli utenti Linedin sono finite su un forum di hackers russi. Questo è quanto ha riportato il sito Dagens IT. Le password del social network professionale sono cifrate in un formato facilmente violabile, con cifratura mediante “hashing”, cioè utilizzando un algoritmo che trasforma un qualsiasi blocco di dati in una stringa a dimensione fissa. Con questo sistema di cifratura due password identiche vengono cifrate nella stessa maniera, e questo ha attirato molte critiche su LinkedIn per non aver mai affiancato il cosiddetto”salting”, ovvero l’inserimento nella cifratura di frammenti di dati casuali. Dopo aver indagato sul problema, la società ha ufficializzato il tutto con un post sul proprio blog ufficiale, senza fornire però numeri ufficiali. A tutti gli utenti coinvolti è stata invata la mail per il reset della password e per il futuro ha comunicato di aver finalmente adottato anche il “salting”, innalzando quindi il livello di sicurezza. Tutto questo soltanto un giorno dopo il problema dell’App per iOS, che durante la sincronizzazione dei calendari andava a sincronizzare anche dati sensibili relativi alle singole voci.

Qumarion – L’evoluzione del modello di legno

Qumarion - Il modello di legno nell'era digitaleIl modello di legno si evolve. Ci riferiamo al corpo umano riprodotto da un modello in legno con le articolazioni snodabili, in grado di assumere le più svariate posizioni e usato per decenni da grafici e disegnatori, potreste averlo conosciuto alla scuola media, durante educazione artistica, e forse lo avete disegnato e riprodotto a pennarello, china o tempera. Bene, la società giapponese Celsys ha creato Qumarion, ovvero un modello del tutto simile, che è però in grado di inviare i propri dati ad un software dedicato tramite connessione USB. Il software è in grado di elaborare questi dati per riprodurre un corpo umano in tutte le possibili posizioni. La società lo propone in un kit composto da modello e software (per OS X e Windows) ad un prezzo di circa 680€, disponibilità a partire dal 21 giugno. Sono disponibili anche plus-in per Maya e 3D Studio. Vi proponiamo un video dimostrativo … Continua a leggere Qumarion – L’evoluzione del modello di legno

La Cassazione sentenzia: i blog non sono un prodotto editoriale, assolto Carlo Ruta per il reato di stampa clandestina !

Corte di CassazioneLa Corte di Cassazione ha emesso una sentenza che coinvolge internet e l’informazione fatta a colpi di blog. In pratica la Corte ha sancito che un blog non può essere considerato “stampa clandestina”. Pare assurdo, ma con le leggi che la Repubblica italiana si ritrova questo era possibile, e la Corte è stata chiamata ad esprimersi proprio per questa accusa. La Legge n° 47 dell’8 febbraio del 1948 recita, “chiunque intraprenda la pubblicazione di un giornale o altro periodico senza che sia stata eseguita la registrazione prescritta (…) è punito con la reclusione fino a due anni o con la multa. (…) La stessa pena si applica a chiunque pubblica uno stampato non periodico, dal quale non risulti il nome dell’editore né quello dello stampatore o nel quale questi siano indicati in modo non conforme al vero“. La legge mal si addice agli sviluppi tecnologici dell’era moderna, ma è in vigore. In base ad essa nel 2008 Carlo Ruta, storico e saggista siciliano, è stato condannato proprio per il reato di “stampa clandestina” dal tribunale di Modica, condanna successivamente confermata in appello, presso il tribunale di Catania. Carlo Ruta gestiva un blog che si occupava di argomenti scottanti, analizzando i fenomeni mafiosi del proprio territorio, offrendo spunti di riflessione e fornendo informazioni di vario genere. La sentenza della Corte di Cassazione ha quindi un valore storico, stabiliendo che un blog non è di per sé un prodotto editoriale e la figura del blogger non è sovrapponibile con quella del giornalista. Approfondiamo la delicata questione … Continua a leggere La Cassazione sentenzia: i blog non sono un prodotto editoriale, assolto Carlo Ruta per il reato di stampa clandestina !

Non esiste garanzia convenzionale obbligatoria di 2 anni !

Torniamo sull’argomento Garanzia in quanto la confusione regna sovrana e, con l’argomento tornato alla ribalta per la sanzione inflitta ad Apple dall’AGCOM, se ne leggono e se ne sentono di tutti i colori. Pur auspicandoci fortemente che Apple decida di portare la propria garanzia a 2 anni, è necessario fare chiarezza: Apple, come qualsiasi altro produttore, NON E’ OBBLIGATA da nessuna legge a dare 2 anni di garanzia sui propri prodotti. Sorpresi ? Noi si, ma del fatto che a distanza di tanto tempo dall’entrata in vigore della legge non sia ancora stato possibile portare alla conscenza di tutti come stanno realmente le cose, gli acquirenti spesso non sono consapevoli dei propri diritti e i rivenditori in molti casi, non avendo interesse a chiarirle, danno spiegazioni talvolta fantasiose e totalmente inesatte. Approfondiamo insieme l’argomento … Continua a leggere Non esiste garanzia convenzionale obbligatoria di 2 anni !

IBM 5in5 – Le innovazioni che potranno cambiare la vita nei prossimi 5 anni

IBM 5in5 2011Ogni anno IBM guarda lontano e, attraverso l’iniziativa IBM 5 in 5, cerca di prevedere le 5 innovazioni che entro i prossimi 5 anni contribuiranno a trasformare la vita moderna. IBM non valuta solo la disponibilità di una nuova tecnologia, ma anche la probabilità che essa possa venire adottata su larga scala. Tra le cinque la più clamorosa è senza ombra di dubbio la lettura del pensiero, ma vediamole tutte, accompagnandole dai filmati (in inglese) esplicativi … Continua a leggere IBM 5in5 – Le innovazioni che potranno cambiare la vita nei prossimi 5 anni

Microsoft abbandona il CES di Las Vegas – A gennaio per l’ultima volta

Logo CES di Las VegasMicrosoft ha annunciato che il CES 2012 di Las Vegas, in calendario a partire dal prossimo 10 gennaio, sarà l’ultimo a cui la società parteciperà in veste di titolare del keynote di inaugurazione e di espositore. La modalità con la quale l’azienda deve comunicare con i propri clienti è cambiata e, dopo attente considerazioni, i dirigenti Microsoft hanno preso la storica decisione. Frank X. Shaw ha dichiarato: “Continueremo a partecipare al CES come il luogo ideale per i rapporti con partner e clienti di tutto il settore PC, telefono e di intrattenimento, ma non ci sarà un keynote o uno stand espositivo dopo questo anno perché i nostri traguardi sulle novità dei prodotti generalmente non coincidono con il periodo di gennaio dello show“. Per l’annuncio dei futuri prodotti Microsoft organizzerà in futuro propri eventi dedicati, ed utilizzerà per la comunicazione ed il contatto con i propri clienti i social network, il proprio sito web e i negozi al dettaglio. Microsoft segue dunque come un’ombra la traccia lasciata dalla Apple di Steve Jobs, che tre anni fa partecipava al suo ultimo Macworld Expo esattamente per gli stessi motivi, puntando su eventi svincolati dalle date imposte dal calendario espositivo, su Apple Store e Apple Online Store.

Sony – Sott’acqua lo stabilimento delle NEX

Sony - Stabilimento thailandese sommersoProseguiamo a verificare la situazione in Thailandia attraverso le notizie diffuse dalle nostre fonti. Ad essere maggiormente colpita è proprio la zona della Rojana Industrial Park nella provincia di Ayutthaya, nel centro del paese. La situazione è molto difficile perchè i livelli d’acqua non accennano a diminuire, si parla di oltre due metri d’acqua. Oltre alla fabbrica di Nikon, che vi abbiamo già mostrato, nella zona c’è un importate stabilimento della Sony, lo vedete nell’immagine a fianco (Bangkokpost) e testimonia la gravità della situazione. La società produce in questo sito la NEX-7 e sta valutando lo spostamento della produzione in un altra fabbrica.