Apple spiega il trattamento delle registrazioni inviate a Siri

Siri - LogoEmergono dettagli sul funzionamento di Siri, l’assistente vocale introdotto con iOS 6. Le informazioni provengono direttamente da Apple, che le ha rivelate a Wired tramite il suo portavoce Trudy Muller, dopo le polemiche generate dall’ che ha richiesto di rivelare quali informazioni dell’utente vengono conservate sui server di Cupertino. In pratica Apple ha dichiarato che le informazioni raccolte attraverso Siri vengono rese anonime e conservate sui server fino a due anni, passati i quali vengono cancellate. Muller ha dichiarato che “i dati resi anonimi sono raccolti al solo scopo di migliorare il servizo, e che la compagnia tratta in maniera molto seria la privacy dell’utente“. Le registrazioni vocali acquisite da Siri ed inviate ai sever per l’interpretazione, vengono identificate tramte numeri casuali che sostituiscono i dati dell’utente che le ha generate. Dopo sei mesi la registrazione audio perde l’abbinamento con il numero casuale e quindi con l’utente che le ha generate, ma il file può essere mantenuto per ancora 18 mesi prima di essere cancellato per effettuare test e per migliorare il prodotto. Se un utente disattiva Siri sul proprio dispositivo le registrazioni vengono immediatamente cancellate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *