iPhone, sostituzione batteria

Nuova richiesta di rimborso ad Apple per rallentamenti in iOS 14.5 e 14.6

L’organizzazione di consumatori spagnola OCU (Organización de Consumidores y Usuarios) ha intenzione di chiedere ad Apple un risarcimento per presunte pratiche di obsolescenza programmata che riguarderebbero gli iPhone 12, iPhone 11, ‌iPhone‌ 8 e ‌iPhone‌ XS aggiornati con iOS 14.5, iOS 14.5.1 e iOS 14.6.

Gli aggiornamenti a iOS 14.5, iOS 14.5.1 e iOS 14.6 avrebbero significativamente danneggiato i dispositivi riducendo la velocità dei processori e la durata della batteria.

L’OCU ha chiesto ad Apple di giustificare il calo delle prestazioni riscontrato sui modelli sopra specificati in seguito all’aggiornamento del sistema operativo. 

Se Apple non dovesse rispondere adeguatamente, l’OCU sarebbe pronta ad agire con specifiche azioni legali per la tutela dei consumatori.

Sembra inverosimile che Apple abbia deliberatamente agito in questo modo, specialmente alla luce di quanto già accaduto in passato con il cosiddetto caso “batterygate”, quando una nuova feature introdotta nel sistema operativo tagliava le prestazioni dei dispositivi nel caso avessero una batteria usurata, con lo scopo di preservarne la durata ed evitare spegnimenti improvvisi.

Apple, dopo le polemiche e le azioni legali, accettò di pagare una cifra consistente agli utenti americani che avevano aderito alla class action, ed aveva offerto la sostituzione della batteria ad un prezzo ridotto, oltre ad inserire nel sistema operativo la richiesta all’utente prima di attivare tale meccanismo.

Fonte: iPhoneros.

Vi terremo aggiornati sugli sviluppi, per capire quale piega prenderà questa nuova gatta da pelare per la società di Cupertino.

Leggi tutti gli articoli di Nonsolomac su iPhone i iOS.

 


Seguici sui social e sul nostro canale YouTube:


Offerta speciale

Le offerte del giorno di Amazon.it

Seguendo i link sponsorizzati Amazon, tu non spenderai un centesimo in più, mentre noi riceveremo una piccola commissione, che investiremo nel mantenimento e nella crescita del sito.


Gli ultimi articoli di Nonsolomac:


Aiutaci a far conoscere sempre più Nonsolomac, condividi questo articolo sui tuoi social preferiti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *