10 anni di Mac OS X

Mac OS X 10.0 Ceetah - Box - ScatolaOggi Mac OS X compie 10 anni; era infatti il 24 marzo del 2001 quando usciva la prima, immatura ed incompleta versione del sistema operativo Apple, basato su UNIX, che avrebbe cambiato tutto. Mac OS 10, nome in codice Cheetah (Ghepardo), era comunque una versione stabile, che segnava la rottura con il passato, con un sistema operativo che, giunto alla versione 9, aveva raggiunto i suoi limiti di sviluppo. Il passaggio però non è stato così diretto …

Apple aveva avviato da tempo il progetto Coopland, che portò nel 1997 alcune novità integrate in Mac OS 8, ma decise poi di cambiare strada, acquistando un sistema operativo esterno da adattare all’architettura Macintosh. I vertici di Cupertino vagliarono varie ipotesi, portarono avanti una lunga trattativa con Be Incorporated, e successivamente con NeXT, società nel frattempo fondata da Steve Jobs dopo la sua estromissione da Apple avvenuta nel 1986.

La scelta cadde su NeXT, la società fu acquisita e con essa Steve Jobs potè tronare a Cupertino. Questa fu la chiave di volta per Apple, che avviò il progetto Raphsody, basato sulle librerie OpenStep, derivate da NeXTSTEP.

Previsto per il 1998, anche questo sistema operativo non vide mai la luce. Nel 1999 Steve Jobs in persona annunciò il suo abbandono, lo fece nel corso della Worldwide Developers Conference, e contestualmente annunciò la nascità del progetto Mac OS X, un sistema operativo moderno che avrebbe preso il meglio dai precedenti sistemi. Per semplificare l’adozione del nuovo sistema da parte degli sviluppatori, sarebbe stato sviluppato Carbon, una riscrittura per il nuovo sistema delle vecchie API del Mac OS, ed alcune tecnologie importanti nate su Mac OS sarebbero state portate nel nuovo sistema (QuickTime, AppleEvents, Applescript, ColorSync ed altro ancora). I cambiamenti annunciati furono accolti con favore dagli sviluppatori.

Mac OS X ha raggiunto una piena maturazione con le successive versioni, Puma (10.1), Jaguar (10.2) e Panther (10.3), per poi iniziare la sua evoluzione con Tiger (10.4), Leopard (10.5) e Snow Leopard (10.6), fino al prossimo Lion (10.7), che inizierà il percorso di contaminazione con iOS e i tanti elementi derivati dalla nuova interfaccia pensata per dispositivi touch.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *