La Commissione Europea multa Intel per abuso di posizione dominante

La Commissione Europea ha imposto una multa di 1,06 miliardi di euro ad Intel Corporation per violazione delle regole antitrust del Trattato dell’Unione Europea. La motivazione riguarda il reato di abuso di posizione dominante (Articolo 82); secondo la commissione, Intel ha adottato pratiche illegali ed anticompetitive per escludere i concorrenti dal mercato dei chip per computer. Nel periodo ottobre 2002 – dicembre 2007 la Commissione ha riscontrato due forme specifiche di pratiche illegali: rimborsi parziali o completi ai produttori di sistemi a condizione che questi avessero comprato solamente, o principalmente, le proprie CPU x86, e pagamenti diretti ad alcuni dei principali rivenditori a condizione che questi tenessero a catalogo solamente sistemi con CPU x86. Questi rimborsi e questi pagamenti impediscono di fatto la libertà dei consumatori di scelgiere prodotti alternativi. Oltre a questo Intel ha effettuato pagamenti diretti ai produttori di computer per arrestare o ritardare il lancio di prodotti specifici contenenti CPU x86 di aziende concorrenti e limitare le vendite sul canale di questi prodotti. Hwupgrade ha tradotto l’intero testo della Commissione Europea, accompagnato da alcuni chiarimenti provenienti sempre da Bruxelles sotto forma di domande e risposte. Hwupgrade

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *