The Daily – I numeri non tornano

The DailyMercoledì 2 febbraio nasceva The Daily, l’ambiziono progetto editoriale del magnate Rupert Murdock. Un investimento di 30 milioni di dollari, a cui si aggiungono altri 500.000$ a settimana per il mantenimento della struttura, un progetto che ha coinvolto firme importanti provenienti da testate come il New York Times, Abc e Associated Press. Si tirano le prime somme a due mesi dal lancio ufficiale, ma i dati sono molto lontani dalle attese

The Daily offriva due settimane di fruizione gatuita dei contenuti, dopo di che si rendeva necessario sottoscrivere l’abbonamento da 0,99$ a settimana o 39,99$ l’anno. A fronte di 500.000 download gli abbonamenti sono stati soltanto 5.000, dato fornito da Greg Clayman, che coordina insieme a Jesse Angelo il team di giornalisti che scrivono per The Daily.

Per valutare correttamente queste cifre dovete considerare che per coprire i costi dell’intera struttura sarebbero necessari 750.000 abbonati, che salgono a 1.400.000 se consideriamo tutti i costi sostenuti per l’avvio del progetto e giungere al pareggio per il primo anno.

I tweet degli articoli di The Daily confermano che l’utenza non ha trasformato l’uso delle prime settimane in abbonamento, dopo un picco di 200 tweet al momento del lancio il dato è sceso rapidamente stabilizzandosi prima tra i 70 e gli 80 tweet giornalieri, scendendo ulteriormente a 50 tweet al giorno verso la fine di marzo (dati forniti da Nieman Lab).

E’ chiaro che il popolo di internet è per ora poco propenso a pagare per avere informazione.

L’informazione sul web ci si aspetta che sia libera e gratuita, ma creare contenuti di qualità, servizi e approfondimenti ha dei costi che devono in qualche modo essere coperti. Se la pubblicità da sola non è in grado di coprire i costi e ripagare gli investimenti ecco che nascono i progetti come quello di Murdock. Forse è però ancora troppo presto, sarà comunque molto interessante valutare l’evoluzione dei prossimi mesi, e sarebbe interessante avere dati relativi alle testate italiane che hanno già trasformato la prima App per iOS, totalmente gratuita, in una piccola edicola personale, da cui acquistare abbonamenti o singoli numeri di quotidiani e mensili.

Torneremo sull’argomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *