Facebook for Business

Facebook prosegue l’attacco ad Apple con toni molto forti

Prosegue l’attacco frontale di Facebook ad Apple. I toni si accendono e con una nuova pagina sulla stampa americana, Facebook dichiara che “Apple distruggerà internet libero e gratuito come lo conosciamo oggi“.

Oggetto del contendere, lo ricordiamo per chi non avesse letto il nostro precedente articolo, ci sono le novità previste da Apple da gennaio 2021 con l’entrata in vigore dell’App Tracking Transparency, novità che mirano a tutelare la privacy degli utenti, che dovranno concedere espressamente l’autorizzazione al tracciamento dei dati personali per scopi pubblicitari per ogni singola applicazione.

Secondo Facebook, in questo modo Apple obbligherà molti siti, blog e app che fino ad ora erano fruibili gratutamente, a introdurre canoni di abbonamento o acquisti in-app. Senza il tracciamento secondo Facebook le piccole società arriveranno a perdere il 60% delle vendite. 

Ecco il testo dell’annuncio di oggi, pubblicato da Facebook sul Wall Street Journal, suol New York Times e sul The Washington Post:

Apple ha prontamente replicato, dichiarando che l’introduzione dell’App Tracking Transparency nel sistema operativo iOS 14, nonché la volontà di tutelare la privacy e la libertà di scelta degli utenti, sono priorità assolute.

Crediamo che si tratti della semplice questione di difendere i nostri utenti. Gli utenti dovrebbero sapere quando i loro dati sono raccolti e condivisi attraverso le altre applicazioni e siti Web, dovrebbero avere la scelta di permetterlo o meno. App Tracking Transparency in iOS 14 non chiede a Facebook di cambiare il suo approccio nel tracciare gli utenti e nel creare inserzioni pubblicitarie personalizzate, semplicemente chiede di dare agli utenti una scelta.

E tu da che parte stai in questa vicenda ?

Faccelo sapere commentando questo articolo.


Seguici sui social e sul nostro canale YouTube:


Offerta speciale

Le offerte del giorno di Amazon.it

Seguendo i link sponsorizzati Amazon, tu non spenderai un centesimo in più, mentre noi riceveremo una piccola commissione, che investiremo nel mantenimento e nella crescita del sito.


Gli ultimi articoli di Nonsolomac:


Aiutaci a far conoscere sempre più Nonsolomac, condividi questo articolo sui tuoi social preferiti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.