Altroconsumo si occupa dell'iPhone 3G, Tim e Vodafone

logo_altroconsumo.gifIl debutto dell'iPhone 3G in Italia è stato accompagnato da molte polemiche sulle tariffe, sulla cattiva informazione, sulle "prenotazioni" prese dai due gestori che se ne sono aggiudicati l'esclusiva; vi abbiamo raccontato la vicenda del negozio di Lucca, vi abbiamo riportato la nostra esperienza personale, confermata da tanti altri contatti avuti in queste settimane. Adesso, ad ulteriore conferma, giunge un'indagine effettuata sul campo da Altroconsumo, ovvero di un soggetto che della tutela del consumatore ha fatto una professione. Quelli di Altroconsumo sono andati in giro per Milano, Padova, Firenze, Roma e Napoli, entrando in 10 punti vendita Il Telefonino, Centro Tim e Vodafone One e in 16 tra punti vendita specializzati di grandi, piccole e medie dimensioni, chiedendo di acquistare l’iPhone. Tirando le somme, le risposte sono state talvolta imprecise e inesatte, specialmente i rivenditori Tim sembrano imporre la vendita del telefonino vincolata alla sottoscrizione di una Sim ed in particolare nei punti vendita Tim di Firenze, Milano e Napoli c’è addirittura la tendenza a vendere l’iPhone esclusivamente abbinato a un piano in abbonamento (invece della ricaricabile) con vincolo per l’utente di 24 mesi. Altre critiche sono state mosse da Atro Consumo in merito alle tariffe, giudicate poco vantaggiose, e al prezzo di fatto imposto per entrambi gli operatori, che ha fatto scattare la richiesta di chiarimento all'Antitrust. Leggi l'intero report di Altroconsumo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *