Apple compra PA Semi, produttore di chip PowerPC

p-a-semi-chip.pngApple ha concluso un accordo per l'acquisizione di PA Semiconductor,
una società attiva nella produzione di processori a basso consumo
basati su PowerPC
, che potrebbe aprire scenari futuri inaspettati per
la gamma iPod e iPhone.


La società, fondata nel 2003 da Dan Dobberpuhl, dopo l'esperienza
maturata nello sviluppo di microprocessori Alpha e StrongARM presso
Digital Equipment nel corso degli anni 90, impiega 150 persone ed è
stata pagata 278 milioni di dollari. Il portavoce di Apple Steve
Dowling, sollecitato dalla stampa, ha declinato la richiesta di fornire
dettagli sull'operazione.

Apple potrebbe puntare a sviluppare iPhone e iPod di prossima
generazione su un chip che possa garantire una differenziazione a
livello tecnologico rispetto al resto del mercato. Un brutto colpo per
Intel, che stava spingendo affinchè Steve Jobs adottasse la gamma di
chip a basso consumo denominata ATOM.

Atom sarà una linea di processori a basso consumo che ha la possibilità
di diventare per i dispositivi mobili quello che la piattaforma x86 è
stata nel settore dei personal computer. I chip saranno differenziati
per classe di applicazione: dispositivi personali, notebook low-cost,
set-top boxe. Il primo chip di questa gamma dovrebbe essere disponibile
entro la metà di quest'anno, un secondo verso la fine dell'anno.

PA Semi potrebbe rappresentare la soluzione cercata da Steve Jobs, che
aveva conosciuto la società quando ancora i Mac avevano un cuore
PowerPC. I contatti si erano interrotti con l'abbandono di questa
architettura ed il passaggio ai chip Intel. Nel febbraio del 2007 PA
Semi ha però rilasciato un microprocessore dual core a 64 bit basato su
architettura PowerPC che la compagnia ha dichiarato essere del 300% più
efficiente di ogni altro chip comparabile. I dati parlano di 2 GHz di
velocità con un consumo da 5 a 13 Watt.

L'acquisizione da parte di Apple è quindi un fatto estremamente interessante in ottica futura.

Forbes

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *