logo_3_italia.gifUn piano di investimenti da 300 milioni di euro mirato a ridurre il digital divide nelle aree non raggiunge dalla ADSL e nel mezzogiorno. Questo è quanto ha annunciato 3 Italia per il prossimo triennio, un operazione che coinvolge 4 milioni di persone sul 40% circa del territorio.
Approfondiamo …

Vincenzo Novari, amministratore delegato di 3 Italia, parla di Banda Larga in mobilità incondizionata garantita dall'HSDPA, una connessione che attualmente permette già di raggiungere i 7,2 Mbps in alcuni hot spot italiani e che nel giro di due anni arriverà a 14,4 Mbps. Una banda larga giustamente considerata una grande risorsa per il paese, per i cittadini e per le imprese.

Già oggi in Italia ci sono 600 comuni non raggiunti dall'ADSL, ma che sono coperti dalla
banda larga mobile di 3 Italia; questo grande investimento per i prossi anni mira ad ampliare la copertura del servizio, andando incontro alla forte crescita della trasmissione dati in mobilità che non riguarda ormai più la sola utenza professionale. Si tratta di una tendenza confermata a livello mondiale, come confermato dalla società di analisi di
mercato Yankee Group, che indica in 70 miliardi di dollari il valore del mercato potenziale della connettività mobile.

In questo boom 3 Italia ha un ruolo di primo piano. Un cliente 3 genera ogni mese 1,2 GB di
traffico dati in mobilità, mentre il traffico dati giornaliero
transitato sulla rete è raddoppiato negli ultimi 6 mesi, passando dai
2,5 TB al giorno del giugno 2007 ai 5 TB al giorno del
gennaio 2008.   

3 Italia ha deciso di spingere questa crescita lanciando l'operazione Prova 3 Gratis, che consente di provare gratuitamente la propria banda larga HSDPA. I primi dati ufficiali sono molto interessanti, con 5.700 clienti che hanno già provato il servizio, sottoscrivendo nel 25% dei casi un contratto, ed altri 5.000 clienti in attesa del modem USB necessario per iniziare il periodo di prova.

Fonte: Telefonino

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *