E' battaglia tra Wimax e HSPA/LTE

Il futuro della tecnologia Wimax è ancora in discussione. Mentre in Italia è in pieno svolgimento l'asta per l'assegnazione delle frequenze, al recente World Mobile Congress 2008 di Barcellona si è affrontato il dibattito sulla tecnologia dell'era del 4G, a confrontarsi il WiMax Forum, con tutte le società che hanno investito e stanno investendo ingenti capitali in questa tecnologia, Motorola, Samsung e Intel in testa, e la GSM Association insieme a Vodafone, Ericsson e Qualcomm, che puntano sulla naturale evoluzione delle attuali reti HSPA fino ad arrivare allo standard LTE (Long Term Evolution). Approfondiamo …


Secondo Rob Conway, CEO dell’associazione GSM, il WiMAX dovrebbe
diventare un sotto sistema della tecnologia LTE ed essere considerata sostanzialmente una tecnologia di nicchia. Il WiMAX come tecnologia per la banda larga sarebbe
insufficiente a coprire vasti territori e sarebbe necessario investire grandi risorse per la creazione di strutture adeguate. Le
tecnologie HSPA, fino ad arrivare all'LTE, non richiederebbero invece grossi investimenti, dato che sarebbe sufficiente aggiornare le strutture attualmente esistenti.

La banda larga mobile sta avendo uno sviluppo enorme. A maggio del 2007 il traffico dati mobile ha superato per la prima volta quello voce, attualmente è già il doppio e nel giro di due anni, secondo stime diffuse da Ericsson, gli abbonati della banda larga mobile supereranno quelli del broadband fisso per diventare 2/3 del totale entro il 2012.

Quale sarà la tecnologia che veicolerà tutto questo traffico ?
Secondo il colosso svedere il 70% viaggerà sull'HSPA, evoluzione delle attuali reti di terza generazione che hanno già raggiunto i 7MBit/s. Qualcomm, specializzata in processori per dispositivi mobili, dichiara che la prima evoluzione sarà l'HSPA+ che spingerà la velocità a 28Mbit/s in download e 11MBit/s in upload.
I primi dispositivi equipaggiati con chip HSPA+ sono attesi sul mercato entro la metà del 2009.

LTE promette di raggiungere i 160Mbit/s e molte aziende di primo piano hanno già preso impegni in proposito. Vodafone inizierà ad implementarla nel 2010, China Mobile e Verizon Wireless hanno annunicato il loro appoggio, Ericsson ha effettuato il primo test di chiamata e Alcatel-Lucent hanno fatto un accordo con Nec per lo sviluppo dell'LTE.

Fonte: La Stampa

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *