GiFi – Trasmissione dati wireless a 5Gbit/s

gifi-chiponfinger.jpgSi prospetta una nuova tecnologia wireless candidata a sostituire quelle attualmente in uso: Bluetooth e UWB (ultra-wideband). La tecnologia al momento indicata come "GiFi", sarebbe basata su un chip di appena 5 mm per lato in grado di trasmettere alla frequenza di 60GHz, contro i 5GHz usati dalle versioni più veloci di Wi-Fi, con la potenzialità di trasmettere dati a 5GGbit/s. Approfondiamo …


La tecnologia è stata sviluppata dal Gruppo di Ricerca Australiana NICTA, nei laboratori di Melbourne.

Il limite di questa "GiFi", ed è per questo che il settore è ristretto ai campi di
utilizzo di Bluetooth e UWB, è costituito dalla portata del segnale di soli 10 metri determinata
dallo spettro di frequenza utilizzato, ma stiamo parlando di un chip in
grado di trasferire un film in alta definizione in pochi secondi, quindi una tecnologia che seppur in questo ristretto raggio di azione può travere applicazioni molto interessanti.
Pensate alla trasmissione video in tempo reale, a display supplementari, ai dispositivi di storage, tutti ambiti in cui la portata di 10 metri non costituisce un problema, ma che troverebbero un enorme vantaggio dall'impiego di tanta potenza di trasmisisone.

UWB e la tecnologia correlata Wireless USB offrono la stessa portata, ma con una velocità di trasferimento dati equivalente alla versione cablata, ovvero 480 Mbps.

Il Professor Skafidas, capo del progetto, ha affermato che il proprio team è il primo a dimostrare un dispositivo ricetrasmittente  incorporato in un chip che usa tecnologia CMOS (complementary metal-oxide-semiconductor).

Il chip usa una sottile antenna da 1 mm e consuma meno di 2 watt. Secondi i ricercatori nel prossimo futuro potrebbe venir utilizzato dalla stragrande maggioranza dei dispositivi mobili, dai cellulari ai palmari, dai player multimediali ad ogni altro prodotto che necessiti di tale potenza di trasmissione.

Secondo NICTA occorrerà attendere l'inizio del 2009 affinchè arrivi sul mercato.
I chip costeranno alla produzione meno di 10$.

Fonte: TheAge.com


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *