Google Mobile fa uso di API non documentate

Google ha recentemente rilasciato via App Store Google Mobile,
applicazione che consente all'utente di comunicare a voce le parole
chiave della ricerca che si intende effettuare. Alcuni programmatori hanno polemizzato sulla possibilità di ottenere tali funzionalità rispettando il contratto legato all'SDK per l'iPhone. Dopo le polemiche arrivano conferme direttamente da un portavoce del motore di ricerca: Google Mobile usa API non documentate. Il mondo degli
sviluppatori attende quindi che Apple prenda una posizione in proposito …

Sono stati proprio alcuni sviluppatori a mettere in evidenza che la
funzione implementata nel proprio software da Google non poteva essere
ottenuta utilizzando le API messe a disposizione ufficialmente da Apple
con l'SDK dedicato all'iPhone e all'iPod touch.

Google Mobile è pertanto un'applicazione che, non rispondendo alle
regole imposte da Apple agli sviluppatori, non avrebbe diritto di stare
su App Store.
Il mondo degli sviluppatori attende una reazione da parte di Apple per
sapere se il software è approdato sullo store senza che chi di dovere
si accorgesse dell'uso di queste API, oppure se, cosa ben più grave,
esistono sviluppatori con i quali Apple è più accondiscendente.

Sarà molto interessante seguire gli sviluppi della vicenda, di cui vi daremo come sempre notizia.

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *