Il Supporto Apple sul surriscaldamento dell'iPhone

Negli ultimi giorni si è parlato di problemi di eccessivo surriscaldamento dell'iPhone 3GS, in alcuni casi il guscio avrebbe raggiunto temperature talmente elevate da rendere difficile il solo contatto con il dispositivo. In merito a questo problema Apple ha pubblicato un documento ufficiale in cui spiega il funzionamento del meccanismo che protegge il dispositivo dalle temerature elevate e alcune indicazioni per evitare o limitare il surriscaldamento, approfondiamo insieme …

iphone-messaggio-temperature-elevate.jpgIl documento Apple fa riferimento all'iPhone 3G e all'iPhone 3GS.

Si comincia con le temperature:
– temperature operative comprese tra 0° e 35°C (32° – 95° F)
– temperature di mantenimento tra -20° e 45° C (-4° – 113° F)

Temperature al di fuori della gamma operativa possono causare una durata della batteria più breve o la temporanea interruzione del funzionamento del dispositivo.

Evitare di lasciare l'apparecchio in auto parcheggiate al sole, perchè la temperatura può facilmente superare le soglie indicate.

Nel caso si superino le soglie indicate si possono verificare i seguenti problemi temporanei:
– Interruzione della carica della batteria
– Basso segnale
– Dosplay dims

In questi casi può comparire il messaggio che vedete nell'immagine:

Si tratta di un meccanismo di sicurezza per salvaguardare i componenti interni.
In questi casi si raccomanda di spengere il dispositivo e spostaro in un luogo più fresco.
Una volta raffreddato potrà essere nuovamente utilizzato.

Quando appare questo messaggio potrebbe essere ancora possibile effettuare chiamate di emergenza.

Tra le condizioni che possono determinare la comparsa del messaggio Apple indica:
– Lasciare l'iPhone in auto sotto il sole
– Lasciare l'iPhone per tempo prolungato esposto direttamente ai raggi del sole
– Usare alcune applicazioni in situazioni di temperature elevate, tra di esse viene indicato il tracking GPS ma anche l'ascolto della musica.

Maggiori informazioni sul documento HT2101.

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *