Intel – Dischi SSD entro primavera

Anche Intel entrerà di prepotenza nel settore dei dischi basati su memoria flash, proponendo la propria gamma con interfaccia SATA entro la prossima primavera. Le caratteristiche principali saranno una velocità più spinta rispetto ai prodotti attualmente in commercio e capacità fino a 160GB, mirando anche al settore server.

La notizia è stata ufficializzata durante un'intervista rilasciata dai vertici Intel a C/Net, che per voce di Troy Winslow, marketing manager del Nand Product Group Intel, ha promesso un debutto di tutto rispetto, con prodotti da 1.8" e 2.5" dalla velocità molto superiore ai 100Mbps promessi da Samsung, capacità da 80GB fino a 160GB e in prospettiva interfaccia SATA II per un trasferimento dati di 3Gbps.

Attualmente Intel propone soluzioni PATA dalla capacità massima di 16GB.

Intel ha identificato un mercato molto interessante nel settore dei server e questi nuovi prodotti ad alte prestazioni saranno in grado di migliorare l'efficienza; sulla base di test condotti dalla società di Santa Clara sulla distribuzione in streaming di 4000 filmati simultaneamente, basteranno infatti 10 dischi SSD per sostituire 62 dischi tradizionali da 15.000rpm.

Attualmente il tallone di achille per queste soluzioni è rappresentato dai costi elevati. Intel prevede un calo tra il 40% e il 50% l'anno, che farebbe scendere il costo di un SSD da 64GB dagli attuali 1.000$ a circa 200$ entro il 2010.

Il mercato dei dischi a stato solido è oggi dominato da Samsung, Toshiba e SanDisk, ma Intel con queste dichiarazioni dimostra di voler diventare un protagonista di primo piano. In questo senso deve essere letta la joint ventura con Micron chiamata IM Flash Technologies. Le società stanno producendo memorie flash con tecnologia a 50 nanometri, ma prevedono di arrivare a 40 nanometri già nel corso di quest'anno.

Fonte C/Net

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *