iPad – Tanta informazione ma non tutta accurata

C'è molta confusione sull'iPad, e l'eccesso di informazione non aiuta. E' appena andata in onda su Radio 24 la trasmissione 2024, uno dei rari programmi radiofonici dedicati alla tecnologia e che va in onda tutti i sabati alle ore 16:00 (nuovo orario), presente anche su iTunes con un imperdibile Podcast gratuito. Durante il programma si è parlato dell'iPad, ma nonostante la persona intervistata sull'argomento fosse appena rientrata dagli States, dopo essere stata presente personalmente all'evento Apple, l'informazione non è stata accurata

I punti che ci troviamo costretti a correggere sono i seguenti:

L'iPad, è stato detto, arriverà in Europa la prossima estate.
Sbagliato ! L'iPad sarà disponibile in versione Wi-Fi tra 60 giorni, quindi a fine marzo, in tutti i paesi.
"Worldwide" è il termine usato da Steve Jobs e che non lascia spazio a dubbi.

Parlando della versione Wi-Fi + 3G è stato detto che, non essendo legata ad uno specifico operatore, sarà possibile averla prima dello sbarco ufficiale in Europa, acquistandola negli Stati Uniti al momento della sua uscita tra 60 giorni.
Sbagliato ! La versione Wi-Fi + 3G uscirà tra 90 giorni negli Stati Uniti ed in alcuni paesi selezionati, per adesso non meglio precisati.

Un ultimo punto, nella puntata di oggi si è correttamente parlato anche della nuova micro-Sim, un formato differente e attualmente non utilizzato dagli operatori italiani. Questo costituirebbe un problema, almeno inizialmente, per l'acquisto di un iPad Wi-Fi + 3G da usare con un operatore differente da quello ufficiale. In realtà ciò non costituisce un problema in quanto la differenza sta solo nelle dimensioni, la compatibilità con le normali Sim è totale ed è sufficiente tagliare la Sim per adattarla alle dimensioni dello slot che deve ospitarla.

Questo articolo ha il solo scopo di cancellare eventuali dubbi dovessero sorgere nei lettori di Nonsolomac che avessero seguito la trasmissione di oggi in onda su Radio 24. Non possiamo contare sul blasone di un'emittente come Radio 24, che stimiamo e seguiamo quotidianamente, ma vogliamo confermare l'esattezza delle informazioni che abbiamo pubblicato in questi giorni.

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *