Durante una presentazione alla SyScan Conference svoltasi a Singapore, il ricercatore Charlie Miller, specializzato in sicurezza, ha svelato una vulnerabilità nella gestione degli SMS da parte dell'iPhone OS. Una falla che potrebbe permettere ad un hacker di installare ed eseguire da remoto codice maligno in grado di accedere con privilegi root al dispositivo. Potrebe essere possibile anche monitorare la posizione del telefono grazie al GPS integrato e attivare il microfono per intercettare le conversazioni. Grazie ad un accordo con Apple Miller non ha svelato alla stampa i dettagli della vicenda, dando quindi alla società il tempo per rilasciare un  aggiornamento che sistemi le cose. Apple ha però tempi stretti, perchè Miller ha annunciato di divulgare tutti gli aspetti della vicenda al prossimo Black Hat USA Security Expo di Las Vegas, in programma ad agosto. Maggiori informazioni in questo articolo di Hothardware.com (in inglese).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *