iPhone – Supporto per il geo-tagging

iphone-geotagging-message.jpgCon il susseguirsi delle versioni beta del firmware 2.0 dell'iPhone rilasciate agli sviluppatori, sono emerse sempre nuove funzionalità. L'ultima in ordine di tempo è il cosiddetto "geo-tagging", ovvero la possibilità di associare ad ogni scatto fotografico le informazioni satellitari utili ad abbinare la fotografia al luogo dove è stata scattata.


La beta in questione è contrassegnata dalla sigla 5A292g. Con la finestra che vi mostriamo nell'immagine che vedete sopra, il firmware chiede il permesso all'utente di trasmettere le informazioni relative alla localizzazione. Attualmente ciò avviene tramite triangolazione tra i ponti rete telefonica e i punti di accesso Wi-Fi, ma tra le possibili novità della nuova versione dell'iPhone ci sarebbe un vero e proprio GPS integrato.
Le informazioni di geo-tagging vengono memorizzate nei metadata del file generato, sottoforma di coordinate satellitari (latitudine e longitudine), informazioni che vengono lette dai software di gestione come Adobe Lightroom o altri più scecifici dedicati al geo-tagging come Ovolab GeoPhoto.
Questa funzionalità nel nuovo firmware sembra essere inserita come "location services" e può essere abilitata o meno, a piacimento del'utente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *