It's easy being green

apple-recycle.jpgApple dopo la risposta alle accuse mosse da Greenpeace denominata "A greener Apple", rilancia con una grande campagna per il ritiro gratuito dei computer usati e relative periferiche in tutte le scuole Americane accreditate. Nonostante si tratti di una promozione limitata nel tempo, è un'iniziativa molto interessante che si aggiunge al programma già in corso rivolto a tutti i clienti degli Stati Uniti.
E negli altri paesi ? Che programmi ha Apple per gli altri mercati coperti da proprie filiali ?


newipodnano250x250.gifIt's easy being green
è un'operazione limitata nel tempo, il termine per iscriversi è infatti il prossimo 30 giugno 2007, ma risulta estremamente interessante per gli istituti scolastici che in questo modo possono disfarsi del materiale obsoleto accumulato in qualche magazzino senza dover sostenere alcun costo.

Apple riprenderà indietro prodotti di qualunque marca e senza nessun limite di quantità.
Unico requisito per poter aderire è quello di avere almeno 25 sistemi da riciclare e, forse la cosa più interessante, non è legato all'acquisto di nuove macchine Apple.
Lo smaltimento e il riciclo verranno effettuati interamente negli Stati Uniti.

Chissà se vedremo mai in Europa una campagna di questo genere, i magazzini carichi di materiale fuori uso, a volte anche funzionante, non mancano certamente e le accuse rivolte ad Apple da parte di  Greenpeace riguardano proprio il fatto di non fare abbastanza per il riciclo dei prodotti, soprattutto al di fuori degli Stati Uniti dove, anche nei paesi dove l'azienda è presente con proprie filiali, non ha avviato nessuna iniziativa del genere.

Fonte: Apple USA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *