L'ultima notizia che sta rimbalzando tra siti di informazione,
quotidiani, semplici blog e pagine personali riguarda l'articolo
pubblicato da Apple relativamente all'uso di software antivirus su
piattaforma Mac OS X
. In molti si sono affrettati a vedere in questo il
sigillo apposto direttamente da mamma Apple alla presunta caduta di Mac
OS X come sistema sicuro, affidabile e, concedeteci il termine, quasi
"invulnerabile". E' Apple stessa però che a nostro avviso crea un pò di
confusione
, scrivendo: "Apple encourages the widespread use of multiple
antivirus utilities so that virus programmers have more than one
application to circumvent, thus making the whole virus writing process
more difficult
", senza spiegare in maniera più dettagliata e rimandando
semplicemente alle pagine dei tre software indicati. Vediamo di fare un
pò di chiarezza su quali sono i rischi che può oggettivamente correre
l'utente Mac

Oggi i problemi legati al pericolo di contrarre Virus ci sono anche su Mac OS X, bisogna però capirne bene le cause.
Con l'impiego dei processori Intel si è aperta su Mac la possibilità di installare il sistema operativo di Microsoft, e di avviarlo in maniera nativa o virtualizzato con uno dei noti software dedicati allo scopo. I nomi sono Fusion, Parallels e VirtualBox.

L'utente Mac che usa un sistema operativo Windows sulla propria macchina non è immune dai rischi che avrebbe utilizzando un PC.
Deve quindi prendere le opportune precauzioni, ma ciò non ha niente a che fare con Mac OS X.

Poi non ci dimentichiamo la MACRO dei software della suite Office di Microsoft.
Dentro una Macro si può nascondere codice maligno, anche su Mac.
Non è in grado di fare i danni che può causare su un PC, ma qualche grattacapo lo può creare, a cominciare da file .doc e .xls che non si aprono più, e per un archivio documenti non è proprio una cosa da poco.
Questo è uno dei motivi che spinge molti utenti Mac a dichiararsi "Microsoft free", evitando di installare qualsiasi software prodotto da Redmond, tra cui la famosa suite per l'ufficio.

Poi ricordiamoci che i Mac possono essere portatori sani, ovvero possono far transitare, senza effetti per il sistema Mac OS X, virus che inoltrati ad un utente PC possono proseguire il loro lavoro. Di solito l'utente Mac "sfegatato" se ne frega, anzi … quasi quasi ci gode un pochino, ma insomma … se uno volesse essere pulito al 100% …

Ecco che la notizia originale adesso compare sotto una luce totalmente diversa.
E' curioso magari che sia Apple stessa a non fare chiarezza sulle pagine del proprio sito web.

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *