MacBook Pro – Finalmente i Penryn a 45 nanometri

banner_macbookpro_2008_02_26.jpg I nuovi MacBook Pro presentati oggi da Apple erano attesi dal keynote di Steve Jobs dello scorso gennaio, i processori Penryn erano freschi di presentazione e la collaborazione mostrata negli ultimi tempi da Apple e Intel avevano fatto scommettere su una presentazione ravvicinata della nuova gamma professionale dei notebook di Cupertino, ma evidentemente lo sviluppo richiedeva tempistiche diverse. Le caratteristiche rispettano le attese, i processori Penryn sono arrivati, la trackpad multi-touch pure, unica delusione il mantenimento del fattore estetico, forma materiali e finiture, che comincia ad apparire oramai "vecchiotto", anche se eravamo convinti che un computer tutto nuovo sarebbe stato presentato in un evento che garantisse un maggiore impatto mediatico. Vediamo tutte le caratteristiche di questi nuovi eccezionali strumenti …


Partiamo dal processore, si tratta dei nuovi Intel Core 2 Duo noti come Penryn, prodotti con la tecnologia a 45 nanometri, la stessa dei processori impiegati nei MacBook, ma con frequenza che da 2,4GHz e 2,5GHz. Il modello di punta da 2,6GHz resta soltanto un'opzione. Tutti i processori hanno cache L2 da 6GB tranne il modello base da 15" che ne ha soltanto tre.

La memoria Ram in dotazione è di 2GB su tutta la gamma, suddivisa anche in questo caso su due banchi SO-DIMM, ed è espandibile fino a 4GB. Gli hard disk base sono tutti dischi SATA da 200GB e 250GB a 5400rpm, ma in opzione si può scegliere dischi più veloci a 7200 rpm oppure il 300GB a 4200rpm.

L'unità ottica fortunatamente è su tutti il superdrive doppio strato 8x.

Due le schede grafiche: la NVIDIA GeForce 8600M GT con 256MB di SDRAM GDDR3 sul modello base da 15" e la NVIDIA GeForce 8600M GT con 512MB di SDRAM GDDR3 sugli altri due modelli.

Processori a parte, la novità che interesserà maggiormente i futuri acquirenti è la nuova trackpad multi-touch. che adotta molti degli innovativi gesti a cui ci ha abituato l'iPhone, consentendo di pizzicare, scorrere o ruotare semplicemente muovendo le dita.
 
Entrambi i modelli di MacBook Pro da 15 pollici presentano un display widescreen con retroilluminazione LED a risparmio energetico. E ora è possibile configurare anche il modello da 17" con questo schermo con risoluzione di 1920 x 1200 pixel retroilluminato a LED.

Apple ha introdotto quindi i portatili più potenti mai realizzati, saranno macchine  meravigliose, ma insistiamo nel segnalare che i portatili professionali Apple sono uguali a loro stessi dal punto di vista estetico da troppo tempo. Dal primo Powerbook in alluminio ad oggi sono stati effettuali soltanto piccoli ritocchi, ma l'impostazione e i dettagli sono sempre gli stessi, una buona parte dell'utenza Mac gradirebbe un passo in avanti.

I prezzi sono in calo rispetto alla gamma che vanno a sostituire:
– MacBook Pro 2.4 GHz 15" – € 1.799
– MacBook Pro 2.5 GHz 15" – € 2.199
– MacBook Pro 2.5 GHz 17" – € 2.499

Apple Store – MacBook pro

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *