Nokia acquisisce Symbian e crea Symbian Foundation

symbian.jpgNokia ha deciso di acquistare la totalità delle azioni di Symbian
Limited
, società che sviluppa il sistema operativo Symbian in uso su
molti dei suoi telefoni cellulari. La cifra offerta è di 3,647$ per
azione e responso positivo sarebbe già arrivato da Panasonic, Siemens e
Sony Ericsson per le quote rispettivamente possedute, mentre Nokia è
ancora in attesa del responso di Samsung. Questa operazione, che porterà Nokia dall'attuale 48% al 100% della società, è legata al
recente annuncio relativo alla creazione della Symbian Foundation

Questa fondazione è stata
ideata per unificare i vari sistemi operativi Symbian OS, S60, UIQ e
MOAP(S) e favorire lo sviluppo di una piattaforma royalty-free che
possa rivaleggiare con Windows Mobile, iPhone e Android. In questo
nuovo progetto sono coinvolti, oltre alle società già citate, nomi
importanti come AT&T, LG
Electronics, Motorola, NTT DOMOCO,
STMicroelectronics, Texas Instruments e Vodafone. A dieci anni dalla
sua nascita Symbian sembra quindi prossimo ad una nuova stagione,
supportato e spinto sempre più dall'attuale leader di mercato del
settore, che girerà alla fondazione creata le royalty derivanti
dall'uso del marchio Symbian con lo scopo di favorire lo sviluppo del
codice in più direzioni. A questo scopo verrà fornita una piattaforma
di sviluppo in licenza gratuita caratterizzata da un UI framework
comune.

Dopo una prima fase di lancio iniziale, le società che contribuiranno al progetto verranno integrate e rese partecipi degli sviluppi della nuova piattaforma, potendo contare dall'inizio su un selezionato set di componenti open source già disponibili. Secondo le intenzioni di Nokia, il progetto della Symbian Foundation porterà entro i prossimi due anni alla creazione del più completo software per mobile su base open source, da rilasciare sotto la Eclipse Public License (EPL) 1.0.

L'iniziativa ha tutti i connotati per rappresentare una reazione alla Google Open Handset Alliance e LiMo, e per Nokia avrà un costo di circa 264 milioni di euro.

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *