Rilasciato YellowSn0w 0.9.5 per lo sblocco dell'iPhone 3G

Come annunciato nei giorni precedenti il Natale, l'iPhoneDevTeam ha riasciato nel primo giorno dell'anno l'atteso software per lo sbocco dell'iPhone 3G chiamato YellowSn0w. Ebbene si, per coloro che non hanno seguito la questione confermiamo che dall'11 luglio, giorno di uscita dell'iPhone 3G, ci sono voluti quasi 6 mesi per poter sbloccare le funzioni telefoniche in quei paesi in cui l'iPhone è tuttora legato alla sottoscrizione di un abbonamento con uno o più operatori. Fortunatamente non è il caso dell'Italia, dove l'interesse si è semmai concentrato sul jailbreak, ovvero la modifica destinata all'installazione di applicazioni non riconosciute tramte Cydia o Installer.app. Ed è proprio tramite questi due tool che si può scaricare YellowSn0w. Secondo i primi riscontri però l'operazione, fattibile sul recente firmware 2.2 (se il vostro firmware è precedente quindi, aggiornatelo prima !), non è filata sempre liscia ed anzi, sarebbero molti gli utenti in difficoltà. Si tratta pur sempre di una versione beta, pertanto alcuni problemi erano facilmente preventivabili. Gizmodo ha stilato qualche statistica secondo la quale il 34% degli utenti contattati sono riusciti a sbloccare il proprio telefono. L'iPhoneDevTeam ha già rilasciato la nuova versione 0.9.5 che ne sistema alcuni. Ecco a voi come si deve procedere per lo sblocco …

Come abbiamo già detto si parte da un iPhone con firmware 2.2, se non lo avete aggiornatelo tramite iTunes.

La procedura prevede i seguenti passi:
– Jailbreak tramite QuickPwn (sia su Windows che su Mac)
– Disattivazone del 3G tramite le impostazioni dell’iPhone
– Installazione yellowsnOw tramite Cydia o tramite Installer.app (source: http://apt9.yellowsn0w.com/ per Cydia e http://i.yellowsn0w.com/ per Installer)
– Ritorno al menù principale
– Riavvio dell’iPhone con inserita una SIM diversa da quella abbinata al contratto (quelle degli operatori italiani vanno tutte bene)
– Verifica della presenza del nome dell’operatore in alto a sinistra. Se non c'è la Sim va tolta e reinserita prima o dopo la comparsa della scritta “Nessun servizio”
– Alcune SIM che fanno uso di particolari applicazioni (STK , SIM Toolkit) potrebbero dare problemi con lo sblocco, risolvibili però reinserendole una seconda volta
– Al momento sembrerebbe necessario reinserire la scheda ogni volta che viene acceso l’iPhone.

Ricordiamo che ogni operazione è fatta dall'utente a proprio rischio e pericolo.

Rimandiamo i nostri lettori al blog del Dev Team per le ultimissime novità.

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *