ssd-vari.jpgIl settore dei dispositivi di memorizzazione sta attraversando un
periodo estremamente caldo, con gli hard disk tradizionali sempre più
capienti e gli SSD (solid state disk) a cercare di incrinarne il
predominio, frenati da un costo ancora troppo elevato per trovare posto
nella produzione di massa, e relegati al momento a prodotti di nicchia.
Uno alla volta tutti gli attori del settore hanno annunciato una
propria linea di dischi a stato solido, che ormai sono considerati da
tutti il futuro dello storage, grazie alla affidabilità dovuta
all'assenza di parti in movimento, principale causa di rottura dei
comuni hard disk, e ai bassi consumi.  Ma cosa dire della velocità di
trasferimento dati
? Approfondiamo l'argomento con un interessante articolo corredato di test comparativi tra i nuovi SSD Intel e altri prodotti in commercio.

I chip adottati da questi SSD permettono un tempo medio di accesso ai
dati notevolmente inferiore a quello dei dischi tradzionali, migliaia
di volte inferiore ed un trasfert rate che in certi modelli, come quelli
appena rilasciati da Intel, infrange nuove barriere.

Vediamo quali sono le prestazioni degli Intel X-18M e X-25M, i due modelli appena rilasciati …
– Velocità di lettura costante intorno ai 220 MB/s.
– Velocità in scrittura media intorno ai 76 MB/s.

La velocità in scrittura eguaglia quella di altri prodotti già
disponibili, mentre quella in lettura schizza in alto, decisamente
oltre quello che è stato raggiunto fino ad oggi dagli altri produttori.
Questo risultato è stato ottenuto grazie a nuove tecniche.

Un ottimo articolo di approfondimento potete trovarlo su Hwupgrade, suddiviso come segue:
Introduzione
Intel X18-M, X25-M e X25-E
Uno sguardo all'interno
Wear Leveling e Write Amplification
Misurazione Transfer Rate
Transfer Rate, Riassunto

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *