TV Lcd e Plasma – Un boom fatto di luci ed ombre

Uno dei settori che meno sente la crisi mondiale che stiamo attraversando è quello dei televisori, il boom è in corso grazie a prezzi finalmente molto competitivi ed il ricambio generazionale è in corso nelle case di mezzo mondo. In questo scenario sono però da sottolineare alcuni fenomeni ed alcune notizie di rilievo, come il calo nelle vendite dei TV LCD in favore della tecnologia al plasma in forte crescita, e l'abbandono del settore da parte del quarto produttore al mondo: Pioneer, specializzato proprio nei pannelli al plasma.

Pioneer addebita questa scelta alla crisi economica, e prevede l'immediata cessazione dello sviluppo interno e la completa dismissione del business TV entro marzo 2010. Questo le consentirà di alleggerire la propria forza lavoro a tempo indeterminato di 6000 unità, pari al 16%, oltre a 4000 posizioni temporanee. Alla base di questa decisione l'impossibilità di comare il gap con i tre concorrenti che la precedono nella classifica delle vendite: Panasonic (37%), Samsung (23%) e LG (16%). Fonte: BusinessWeek. Non è l'unica però ad abbandonare la tecnologia al plasma, anche la Californiana Vizio, sconosciuta dalle nostre parti, si concentrerà su prodotti di fascia economica per il settore discount.

Scelte in contrasto con i dati pubblicati da DisplaySerach, secondo i quali le vendite di TV LCD sono scese da 8,9 milioni di unità del 4° trimestre 2007 a 8,7 milioni di unità dello stesso periodo del 2008, mentre i TV al plasma, attualmente più economici dei corrispondenti LCD, sono aumentate del 28% trimestre su trimestre e del 10% se si raffronta l'intero anno.

In questo scenario segnaliamo l'indiscrezione di queste ore, di cui parleremo in un articolo a parte, secondo la quale Apple entrerebbe nel mercato dei televisori entro la fine dell'anno, grazie ad un accordo con LG Electronics. Non è la prima volta che si parla di questa possibilità che, conoscendo Apple e le sue strategie, avrebbe senso solo se un TV a marchio proprio diventasse elemento cardine di qualche propria tecnologia. Con le informazioni oggi a disposizione pensiamo ai brevetti sul multi-touch, ma siamo a livello di pure indiscrezioni che potrebbero ancora una volta non avere alcun fondamento.

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *