wimax_235.gifIl Ministero delle Comunicazioni ha pubblicato l'elenco delle società che hanno presentato domanda per partecipare alla gara di assegnazione delle frequenze WiMax. Riscontriamo alcune conferme e qualche sorpesa, qualche grande nome stranamente assente. Vediamo di approfondire la questione …

Vediamo alcuni dei nomi delle 48 società che si sono buttate in questa nuovo business:
– BT Italia
– Elettronica Industriale
– Eutelia
– Fastweb
– MGM Production Group
– Telecom Italia
– Wind
Potete consultare l'elenco completo sul sito del Minstero dele Comunicazioni.

Elettronica Industriale è una società controllata dal gruppo Mediaset, mentre MGM Production Group è balzata agli onori della cronaca nelle ultime settimane per il ricorso presentato per cercare di bloccare la gara a causa di regole non condivise dai vertici della società.

Ci sono alcune assenze piuttosto rilevanti, a cominciare da Vodafone, per proseguire con Tiscali e H3G.
Vodafone ha infatti sperimentato
la tecnologia e i risultati dei test forse non sono stati soddisfacenti, o comunque non al punto da investirci ulteriori risorse. Dobbiamo rilevare anche alcune critiche che hanno indicato non ideali per la mobilità le frequenze liberate, meglio sarebbe stato avere a disposizione lo spettro intorno ai 2,5Ghz.

Le aziende dovranno presentare la loro offerta
economica nei prossimi trenta giorni, passati i quali inizierà la vera
e propria asta al rialzo (miglioramenti competitivi), con i rilanci effettuabili fino a che non rimarrà un solo contendente per ciascuna singola
licenza.

Ricordo che verranno assegnate 35 licenze, 2 per ognuna delle 7 macroaree regionali, ed 1
per le 19 regioni e le due province autonome di Bolzano e Trento. Intorno a fine gennaio anceh questa fase dovrebbe essere terminata, le frequenze assegnate e scatteranno i trenta mesi durante i quali i vincitori dell'asta dovranno
provvedere a coprire il territorio con il proprio segnale radio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *