Wimax – Il punto sulla gara. Primi ritiri

Facciamo il punto sull'asta per l'assegnazione delle frequenze Wimax ad una settimana dall'inizio della fase dei rilanci. La base d'asta è già cresciuta di circa il 40%, arrivando a circa 72,318 milioni di euro, mentre il ritiro di alcune aziende, anche importanti, ha fatto scendere il numero dei soggetti in competizione. Scopriamo quale dettaglio …

Sono rimaste in 24, e tra i ritiri troviamo WIND e Toto Costruzioni (AirOne). L'azienda più attiva sembra essere Mediaset, insieme a Telecom Italia; seguono altre aziende di medie dimensioni come A.F.T., Ariadsl e Infracom. Fastweb si è ritirata dall'asta per la licenza relativa alla Lombardia, ma è rimasta per quella nel Veneto, dove per il momento è in testa.

L'asta
riparte martedì e le posizioni possono cambiare facilmente.

Tra le aziende che non partecipano all'asta si è mossa la Rai, mostrando un interesse per il Wimax che la potrebbe portare a cercare accordi con uno dei soggetti vincitori di una delle licenze regionali o magroregionali.

Vi terremo informati, continuate a seguirci.

Fonte: Tgcom

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.