Iliad Italia offrirà la fibra FTTH di OpenFiber nel 2021

Se sei in trepidante attesa per l’annunciato sbarco di Iliad nel mercato della telefonia fissa, più nello specifico della fibra ottica FTTH (Fiber To The Home), devi armarti di pazienza. Tutto è confermato, ma se ne parlerà nel 2021.

Continua a leggere Iliad Italia offrirà la fibra FTTH di OpenFiber nel 2021

Il modem è libero, il TAR conferma la delibera dell’AGCOM

A distanza di un anno e mezzo dalla delibera 348/18/CONS dell’AGCOM, delibera con cui l’Autorità Garante delle Comunicazioni stabiliva il diritto a scegliere ed utilizzare un modem diverso da quello fornito dagli operatori telefonici, il TAR del Lazio si è espresso in merito al ricorso presentato da Tim e Wind Tre, confermando la validità della delibera. Gli utenti devono poter scegliere di usare un modem differente da quello proposto a caro prezzo dagli operatori, senza obblighi o penali. Approfondiamo …

Continua a leggere Il modem è libero, il TAR conferma la delibera dell’AGCOM

Open Fiber ha completato la rete ottica di ultima generazione

Logo Open Fiber - FTTHOpen Fiber ha completato la dorsale in fibra ottica di ultima generazione, in grado di offrire una velocità fino a 400 Gigabit al secondo. ZION, questo il su nome, si sviluppa su oltre 6.300 km ed é la piú estesa rete di trasporto ottica di tipologia EON (Elastic Optical Network) in Italia, con apparati di ultima generazione, in grado di interconnettere l’Italia da Nord a Sud e di collegare la rete di accesso che Open Fiber sta costruendo in circa 7.000 città e comuni italiani. Continua a leggere Open Fiber ha completato la rete ottica di ultima generazione

Telecom e Italtel investono 71 milioni di euro in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia

Tunnel binario - Rappresentazione binaria - 1 / 0Telecom Italia e Italtel hanno firmato un contratto del valore 71 milioni di euro per accelerare lo sviluppo delle reti ultrabroadband (basato su tecnologia LTE e FTTC/FTTH) nelle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia e per ricerca e sviluppo sperimentale finalizzato alla progettazione e realizzazione di prodotti software nello stabilimento industriale Italtel di Carini, vicino a Palermo. L’investimento di Telecom è di 48 milioni di euro, quello di Italtel è di 23 milioni di euro; di questi ultimi 1,7 milioni sono dedicati all’ampliamento dello stabilimento di Carini dove verranno sviluppati nuovi prodotti software per la virtualizzazione delle reti secondo il paradigma  del Cloud Computing. L’amministratore delegato di Italtel, Stefano Pileri, ha dichiarato: “Le reti ultrabroadband sono, insieme a Cloud e Internet delle Cose, le tecnologie della rivoluzione digitale. Questo nuovo contratto rappresenta una grande occasione per il Mezzogiorno e per l’Italia di velocizzare il percorso di digitalizzazione e diffusione dei servizi innovativi. Per Italtel la rilevanza di questo progetto è legata alla possibilità di valorizzare  la nostra ricerca negli ambiti più avanzati delle telecomunicazioni e  di offrire una significativa opportunità per il nostro polo R&D palermitano“.