Verificare l’effettiva copertura delle reti mobili ? Impresa impossibile !

OpenSignalMaps - ScreenshotDopo il post di ieri, proseguiamo più in concreto a parlare della copertura dei network di telefonia mobile. Recandosi in luoghi di villeggiatura o presso seconde case di famiglia ci si trova spesso con la necessità di verificare preventivamente se potremo contare sul collegamento ad internet tramite uno degli operatori nazionali. L’impresa, come dicevamo, è praticamente impossibile e le informazioni che potrete ricevere sono assolutamente inaffidabili in quanto parziali e approssimative ! Vediamo comunque qualche link utile per farsi un’idea di massima ed i nostri commenti …

Partiamo con le informazioni fornite dai diretti interessati, ovvero dagli operatori. Questi sono in link alle pagine messe a disposizione da ognuno di loro:
3 Italia;
Tim;
Vodafone;
Wind.

Se l’operatore vi dice che non c’è copertura, o che non c’è copertura 3G, quasi certamente sarà così. Talvolta potrete avere una tacca di segnale anche il luoghi dichiarati non coperti, ma quasi certamente sarà molto instabile, e difficilmente utilizzabile. Se al contrario risulta la copertura, questa non è assicurata, in quanto le informazioni che forniscono gli operatori sono relative genericamente al comune indicato, e pertanto possono esserci (ci sono quasi sempre) molte zone dove il segnale non arriva o arriva molto debole a causa di ostacoli naturali o strutturali. L’informazione più vicina alla realtà abbiamo riscontrato essere quella fornita da 3 Italia, che mostra delle mappe piuttosto dettagliate utili per capire fino a dove si spinge il segnale, ma in diversi casi abbiamo riscontrato difficoltà di collegamento in zone indicate come coperte, ma poste ai margini della zona di copertura.

Esiste un altro strumento che sembrerebbe essere la soluzione ai nostri problemi, ci riferiamo al sito web Opensignalmaps. L’interfaccia veramente ben fatta consente di verificare la copertura a livello mondiale e la posizione dei ripetitori. E’ possibile impostare tutti gli operatori o filtrare i dati per singolo operatore o per tipologia di copertura (2G, 3G o 4G). Purtroppo anche in questo caso i dati non sono attendibili ed abbiamo riscontrato in più di una zona la presenza di copertura anche in aree dove non veniva segnalata nessuna copertura di rete, di nessun operatore italiano. E’ quindi una situazione rovesciata, ovvero la mappa è approssimativa per difetto, ma di fatto poco utile anch’essa.

L’unica vera soluzione, di solito difficilmente praticabile, è la verifica sul campo.

Con i moderni smartphone dotati di GPS integrato sarebbe molto semplice far creare una mappa dettagliata della copertura agli stessi utenti, completa di tipologia di connessione e livello del segnale, un’operazione da far eseguire in background al telefono stesso (ovviamente dopo aver chiesto l’autorizzazione all’utente). Siamo convinti che nel giro di poco tempo si otterrebbe un informazione completa e molto affidabile, e coloro che hanno utilizzato il navigatore satellitare Waze, o hanno contribuito alla creazione delle mappe stradali, sanno di cosa sto parlando.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *