Corte di Giustizia Europea

La Commissione Europea fa ricorso per annullare la sentenza favorevole ad Apple

 

Nuovo capitolo della guerra tra Apple e l’Unione Europea. La Commissione Europea ha deciso infatti di presentare ricorso alla Corte di Giustizia per la sentenza dello scorso luglio, con cui veniva annullato il pagamento di 13 miliardi di tasse arretrate all’Irlanda.

Facciamo due passi indietro …

Secondo la Commissione Europea, Apple ha ottenuto dall’Irlanda condizioni fiscali che rappresenterebbero di fatto un aiuto di stato illegale, e nel 2016 ha stabilito che la società di Cupertino dovesse pagare 13 miliardi di tasse arretrate.

Lo scorso luglio però il tribunale europeo ha annullato la decisione della Commissione Europea, affermando che le autorità UE per la concorrenza non hanno presentato prove giuridiche sufficienti per dimostrare che Apple avesse beneficiato di un aiuto di stato illegale in merito alle condizioni fiscali applicate.

Oggi arriva la notizia del ricorso alla Corte di giustizia dell’Unione europea, accompagnata dal commento di Margrethe Vestager, Commissario europeo per la concorrenza: “La Commissione ritiene rispettosamente che nella sua sentenza il Tribunale abbia commesso una serie di errori di diritto” … “La decisione del tribunale Ue solleva importanti questioni giuridiche di competenza della Commissione nella sua applicazione delle norme relative agli aiuti di stato nei dossier fiscali“.

Apple ha dichiarato che la sentenza del Tribunale Ue dimostra che la società ha sempre rispettato le leggi fiscali irlandesi e che la questione riguarda dove debba pagare le tasse piuttosto che il loro ammontare.

Si aggiunge quindi un nuovo capitolo a questa delicata questione. Seguiremo la vicenda e vi aggiorneremo non appena ci saranno nuovi sviluppi.


Scopri le offerte del giorno di Amazon.it

Seguici sui social e sul nostro canale YouTube

Sostienici con i tuoi acquisti, metti tra i tuoi preferiti il link ad Amazon. Tu non spenderai un centesimo in più, noi riceveremo una piccola commissione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *